Lazio, Sarri: “Non capisco le proteste della Roma. Ma ora testa all’Europa!”

ROMA – Sfruttare il momento favorevole post derby e conquistare i primi tre punti in Europa. La Lazio pronta a sfidare la Lokomotiv Mosca all’Olimpico. Dopo l’1-0 in Turchia contro il Galatasaray, gli uomini di Sarri sono chiamati alla vittoria per non compromettere il cammino in Europa League. In conferenza stampa, l’allenatore biancoceleste ha parlato della sfida contro i russi e non solo: “Giocare con alte motivazioni una partita riesce a tutti, per due mesi a pochi, per dieci mesi solo ai vincenti. Per noi è un test, abbiamo fatto un grande derby. La situazione della squadra la valuteremo oggi. Ieri qualcuno ha riposato, altri hanno fatto lavori diversi. Con l’ultimo allenamento valutiamo chi sarà più o meno in campo. La Lega ci ha messo una partita di campionato a 61 ore da un match europeo. Una cosa fuori dal mondo, ma bisogna adeguarsi”.

Sarri e il derby

“Le mie valutazioni? Leiva ha subito fallo, non fatto. Si sta a protestare di un rigore in cui Zaniolo era in fuorigioco. Poi si va a discutere su un rigore che hanno visto solo arbitro e var. Ho rivisto le immagini per un paio di giorni e non c’è contatto. O se c’è è Zaniolo che prende Akpa Akpro. Non mi interessa più di parlare del derby: punti fatti, pensiamo a domani. Altrimenti in queste società la stagione si risolve solo nei due derby. Un match particolare per i tifosi, ma ora c’è una partita importante per noi. Muriqi? Ci sta dando una mano e si è visto anche nelle ultime due partite. Se entra con quella voglia e determinazione fa bene. A Torino ha rimediato il rigore decisivo. É un ragazzo che può avere in canna qualcosa in più. Quello che fa lo sta interpretando con una determinazione non comune. Il derby come svolta? Non so, i gruppi, le stagioni, sono diverse. Chiedo alla squadra di concentrarsi per domani. Il girone è difficile e il match è contro una squadra forte. Con la Lokomotiv, due anni fa con la Juve, ho vinto soffrendo.”

La Lazio e la sfida ai russi

“Due partite sofferte. All’andata nelle 2019 siamo andati anche in svantaggio, poi due botte da fuori di Dybala l’hanno risolta. Fanno densità, non ci hanno lasciato giocare. Al ritorno è servita un’invenzione di Douglas Costa. Con il Chelsea ho già affrontato il tecnico Nikolic e abbiamo vinto per poco a Stamford Bridge. La Lazio è la mia scelta giusta, sto benissimo, mi dà gusto, mi diverto. Con la società mi trovo bene. Sto benissimo. I titolari per domani? Non lo so, è presto perché gli allenamenti di ieri non sono indicativi. Tra oggi pomeriggio e domani mattina avrò le idee più chiare. Luis Alberto? A me che non sia tranquillo dopo il cambio non mi importa, anzi, mi fa piacere. Mi dà fastidio uno che non si incazza. Lo vedo come un segnale positivo. Un grande giocatore che può migliorare. Se ho questa visione pretenderò sempre più da lui e lui pretenderà sempre più da se stesso. Barinov? Visto in questi giorni, è un centrocampista completo. Unisce costruzione all’interdizione. Ha giocato anche da centrale, è un multiuso. Giocatore di alto livello”.

Precedente Lazio, la voglia di Milinkovic: "Con Sarri possiamo vincere l'Europa League" Successivo Messi e la frase sussurrata dal presidente del Psg negli spogliatoi

Lascia un commento