Lazio, rebus Pedro nonostante gli elogi di Tudor

«È entrato bene, mi è piaciuto, a sprazzi sembrava quello di Barcellona, non sbaglia niente, è uno saggio», ha detto Tudor di Pedro. Un gol mangiato, un palo colpito. Igor aveva fatto entrare lo spagnolo per svoltare. A fine partita l’ha elogiato per il modo in cui si è esibito. Lo stesso Pedro ha parlato di Tudor: «Ha portato energia, la mentalità è vincente». Messaggi incrociati, ma gli scenari futuri non dovrebbero cambiare. La Lazio era intenzionata a trovare un accordo con Pedro per anticipare la separazione a giugno. Il rinnovo automatico ha prolungato il contratto fino al 2025, era in base alle presenze. Con Pedro si farà un punto nelle prossime settimane. L’ingresso con il Verona è servito per apprezzare una verve diversa, anche lui era tra i giocatori più spenti. Pesa l’ingaggio da 2 milioni più bonus, arrivare ad un accordo consensuale non è semplice. Tudor ha ribadito che molti giocatori sono adatti al suo calcio e all’idea di Lazio che ha in mente, in gran parte già vista. Pedro era sembrato uno dei più svantaggiati, il finale con il Verona gli è servito per farsi apprezzare da Tudor. Chissà che non inizi a vederlo con occhi diversi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Immobile si allena con Jessica, messaggio per la Lazio? Successivo Il vero Kamada: ora la Lazio aspetta il sì

Lascia un commento