Lazio, Luis Alberto in gruppo da separato in casa

ROMA – Quindici milioni è il prezzo fissato dalla Lazio per il cartellino di Luis Alberto. Lotito non lo cederà gratis, non risolverà il contratto firmato dallo spagnolo l’estate scorsa. Logico ritenere sia stato ribadito e chiarito bene agli agenti della You First. L’indiscrezione secondo cui ci sarebbe stato un vertice a Formello la settimana scorsa non viene confermata da Miguel Alfaro e neppure dalla società biancoceleste: zero contatti la linea ufficiale. Se l’incontro si è consumato o meno, se sono stati sufficienti colloqui telefonici o se il silenzio è stato prolungato, non cambia la sostanza. Luis Alberto se ne andrà a fine campionato soltanto portando i soldi chiesti da Lotito, altrimenti rischierà di trascorrere un’estate di patimenti e sofferenze, da separato in casa, come di fatto succederà (o potrebbe succedere) da qui al 26 maggio.

Divorzio Lazio-Luis Alberto

Lo “strappo” risale a metà aprile, in fondo alla partita con la Salernitana, quando Luis Alberto esplose in diretta televisiva annunciando il divorzio a fine stagione e di non voler più percepire un euro dalla società biancoceleste. Il caso, con fatica e grazie alla diplomazia di Fabiani, era rientrato. Di rescissione non se ne parla. La cronaca ha portato alla rottura totale una settimana dopo l’insofferenza dello spagnolo a Monza nei confronti del tecnico e la decisione di Tudor di escluderlo dai convocati per l’Empoli a causa del suo scarso impegno in allenamento. Si procede e si naviga a vista. Si intuisce ed è confermato il palese malumore della società nei suoi confronti. Ieri sono ripresi gli allenamenti a Formello. Luis Alberto era in campo alle 17,30 e si è allenato con il gruppo. Se ha lavorato con intensità lo scopriremo durante la settimana, ma la sensazione netta è che poco cambierà. La Lazio non rischierà vertenze o di perderlo gratis. Il Mago difficilmente verrà convocato per la trasferta a San Siro con l’Inter e per l’ultima di campionato con il Sassuolo. Deciderà l’allenatore è la risposta classica di casa Lazio. Cambiano nomi e protagonisti, non il copione. Tra lo spagnolo, altamente responsabile con le sue bizze (spesso tollerate), e la società siamo ai titoli di coda. In che modo si consumerà la separazione lo racconteranno le prossime settimane.

Sondaggio Napoli per Luis Alberto

L’estate scorsa era stato avvicinato da un club del Qatar. Resta intatto il sogno di finire la carriera nel Siviglia o nel Cadice, a casa sua. E’ di ieri l’indiscrezione di un sondaggio del Napoli. La richiesta iniziale della Lazio si conosce: 15 milioni per il cartellino di Luis Alberto. Tutto da vedere se Lotito lo venderà in Italia. Milinkovic è andato in Arabia Saudita. Felipe Anderson, alla fine, ha scelto il Palmeiras, che si era già fatto vivo nello scorso ottobre, lasciando cadere in extremis l’accordo verbale raggiunto da mesi con la Juventus. Per Lotito sarebbe stato uno smacco insopportabile. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Bologna, la sudditanza non c’è più Successivo Rivoluzione Juve, i nomi per il mercato Champions: chi arriva e chi va via

Lascia un commento