Lazio, Guendouzi è fuori. Immobile, oggi il test

ROMA – Anatomia della Lazio. Guendouzi ancora fermo e fuori dai convocati. Luis Alberto in attesa del giudizio di Tudor, è insidiato da Isaksen. Immobile dolorante al ginocchio sinistro dopo l’allenamento di ieri, farà un test oggi, è a rischio. Felipe Anderson pronto a giocare con lo status di ex acclarato. Marusic da valutare, può farcela. Romagnoli partirà dalla panchina. Tudor allena in uno stato di emergenza, deve riuscire a preparare il trittico Genoa-Juve-Verona con quel che ha o che gli resta. Ormai vale tutto e a tutto bisogna reagire. 

Lazio, la vigilia

Oggi la Lazio partirà per Genova, domani si giocherà l’anticipo contro i rossoblù di Gilardino. Tudor non parlerà in conferenza per la seconda vigilia di fila, chiuso anche lui in un silenzio monacale, anti-polemiche, ci sono stati troppi casi scricchiolanti. La società ridimensiona ogni giorno quello che riguarda Guendouzi, fermo ufficialmente per un infortunio ad un polpaccio, un edema. Ma i dissidi con il tecnico pesano. Il francese non si è visto in campo nemmeno ieri, non si vedrà in campo oggi. A meno di sorprese non partirà per Genova e la sua posizione sarà da rivalutare per il ritorno con la Juve di martedì prossimo. Spetta a Tudor decidere se confermare Luis Alberto accanto a Felipe Anderson, duo visto all’opera contro la Salernitana. Non è certo da premiare dopo lo sfogo schock di venerdì, ma stando a quanto accaduto neanche da punire. Il Mago potrebbe anche giocare domani, non è da escludere. Isaksen prova a insidiarlo, fa pesare il gol segnato nel finale contro la Salernitana. In questo caso andrebbe spostato Felipe a sinistra nei due dietro la punta. Immobile ieri si è rivisto in campo, ma continua a sentire dolore. E’ reduce da un «trauma distrattivo del collaterale interno del ginocchio sinistro», prova fastidio quando calcia. Oggi farà un test e si deciderà. Castellanos sarà di nuovo titolare, Ciro al massimo andrà in panchina 

Lazio, gli altri

Tudor deve valutare Marusic, si è allenato poco, ieri c’era. Dovrebbe farcela. Lui e Lazzari sono pronosticati a destra e a sinistra come accaduto contro la Salernitana. Altrimenti toccherà a Hysaj a sinistra. Vecino e Kamada potrebbero essere confermati. Tudor è tentato dal rilancio di Rovella, chissà se è così imminente. In difesa sarà confermato il trio Patric-Casale-Gila. Romagnoli è tornato ieri in gruppo, ripartirà titolare con la Juve. Non sono ancora pronti Zaccagni e Provedel, entrambi ieri in Paideia. L’attaccante in mattinata aveva postato una foto che lo ritraeva durante una seduta di fisioterapia, salterà anche la Juve, rischia di stare fuori altri 10 giorni. Provedel è tornato martedì a Formello, salterà Juve e Verona, non è chiaro quando sarà disponibile, potrebbero passare altri 10 giorni. E’ alle prese con un infortunio lungo, un brutto trauma distorsivo alla caviglia sinistra. E’ fermo da metà marzo, la Lazio spera di averlo per il finale di stagione. Toccherà ancora a Mandas, avrà altre occasioni a partire da domani, proseguendo con il ritorno di Coppa Italia contro i bianconeri. Dopo il Verona (28 aprile) sono in programma le sfide contro Monza (5 maggio in trasferta) ed Empoli (12 maggio all’Olimpico).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Capello incorona Ancelotti: botta e risposta da brividi dopo City-Real Successivo Lazio, trasferta vietata a Genova: la rabbia dei tifosi