Lazio, furto in casa Maestrelli: rubata la medaglia dello scudetto ’74

I ladri si sono introdotti nell’abitazione del figlio dell’allenatore dello storico titolo: “Aiutateci, è un ricordo dal valore affettivo immenso”

Un colpo al cuore. Alcuni ladri hanno fatto irruzione nell’abitazione di Massimo Maestrelli, uno dei figli di Tommaso, lo storico allenatore della Lazio che vinse lo scudetto (il primo nella storia del club) nel 1974. Tra i soldi e gli oggetti rubati c’è anche un ricordo prezioso che lega Massimo al papà scomparso nel 1976: è infatti stato rotto un quadro ed è sparita la medaglia d’oro con l’immagine di Tommaso Maestrelli, Lenzini e i nomi dei giocatori che riuscirono a vincere quello storico primo scudetto dei biancocelesti.

LO SFOGO

—  

“Si tratta di un ricordo di valore affettivo immenso – ha spiegato Massimo Maestrelli -. Ricordo il fiero sorriso di babbo ogni qual volta lo vedevo osservare il quadro con la medaglia. Chiunque possa aiutarci, vi prego, lo faccia. Sono poche le cose di valore rimaste e questa è la più preziosa come ricordo di un momento unico”. Perché quel furto, più che altro, è un vero e proprio colpo al cuore.

Precedente Uruguay, esonerato Tabarez. Dopo 15 anni termina l'era del Maestro Successivo Da Lazio-Juventus a Inter-Napoli: tutte le probabili formazioni della 13^ giornata di Serie A

Lascia un commento