Lazio, Fabiani duro su Luis Alberto: “Basta egocentrismi e personalismi”

“Luis Alberto? Basta egocentrismi e personalismi”. Il direttore sportivo della Lazio Angelo Fabiani torna sulla vicenda legata al centrocampista spagnolo, che ha chiesto la cessione e che non è stato convocato da Tudor alla vigilia della sfida contro l’Empoli. “E’ molto semplice, la Lazio si deve riprendere la sua centralità, serve un metodo in cui non ci sono spazi per personalismi, egocentrismi e cose simili. Luis Alberto è un giocatore importante, ha un contratto con la Lazio, ho sempre detto che a fine campionato avremmo preso in considerazione le eventuali richieste e la società penserà al meglio della società, non del singolo calciatore. Noi siamo al servizio della società e della gente, dei tifosi, personalmente non tollero chi prova a soggiogare le persone che girano intorno a una squadra di calcio. Lui ha espresso la sua volontà, la prenderemo in considerazione e se non lede alla società accetteremo, altrimenti prenderemo al vaglio le altre ipotesi. Questo vale per tutti”, ha detto a Radiosei.

Fabiani e gli errori arbitrali

Fabiani torna anche sulle recenti polemiche successive ad alcune decisioni degli arbitri, come il rigore non concesso a Monza su Immobile: “Quest’anno ci sono stati degli episodi che ci hanno penalizzato, altri favoriti. Monza? Una società come la Lazio non si può ridurre a lamentarsi di un episodio arbitrale quando prendi un gol come quello al 92’. Dobbiamo essere obiettivi e assumerci le responsabilità, dire che siamo stati penalizzati è un’inesattezza. Se mancano dei punti in classifica è colpa della Lazio, non per gli errori arbitrali. Per vincere contro la Salernitana non penso che sia necessario l’episodio a favore. Non me la sento di dire che ci mancano punti in classifica per gli arbitri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Incredibile in Mls: un procione entra in campo e nessuno riesce a fermarlo Successivo Baggio, il commovente messaggio della figlia: “20 anni fa ti scrissi una cosa...”

Lascia un commento