Lazio-Empoli diretta: segna Patric LIVE

Una domenica di festa per i 50 anni del primo Scudetto, vinto dalla banda Maestrelli il 12 maggio del 1974. Una domenica per centrare altri tre punti per un posto in Europa: Lazio-Empoli è già storia. Prima le celebrazioni e poi dalle 12:30 il match contro i toscani senza Luis Alberto, non convocato da Tudor. Segui in diretta la giornata dell’Olimpico…

Lazio-Empoli, tabellino e statistiche del match


13:46

52′ – Poche emozioni in avvio di ripresa

Poche emozioni in questo avvio di ripresa, con l’Empoli che prova a imbastire una reazione e la Lazio che aspetta l’occasione di far male ai toscani e raddoppiare.


13:39

46′ – Lazio-Empoli: iniziato il secondo tempo

All’Olimpico iniziato senza cambi il secondo tempo di Lazio-Empoli, con i biancocelesti avanti 1-0 grazie al gol segnato da Patric appena prima dell’intervallo.


13:34

Lazio-Empoli: coreografia da brividi per gli eroi del 1974

Una coreografia da brividi dedicata agli eroi del primo scudetto conquistato nel 1974 è stato esposta dai tifosi della Lazio durante il match con l’Empoli.


13:22

45’+3′ – Lazio-Empoli il primo tempo si chiude sull’1-0

La Lazio chiude il primo tempo in vantaggio con il gol di Patric (1-0). Buon Empoli con un’occasione importante con Caputo.


13:21

45’+3′ – Segna Patric, Lazio in avanti

La Lazio segna con Patric. Angolo di Zaccagni, inserimento del difensore che con il piede spinge il pallone in rete. Lazio-Empoli 1-0.


13:16

43′ – Tiro di Marin pericoloso

Marin calcia da lontano, destro potente che va alto. Empoli in buon momento, Lazio in difficoltà dal punto di vista del gioco.


13:11

38′ – Occasione anche per la Lazio

Felipe Anderson serve in profondità Immobile, che si accentra e calcia. Caprile mette in angolo.


13:08

35′ – Miracolo di Mandas

Errore di Guendouzi, Cancellieri serve Caputo in area. Da due passi tira, Mandas compie un miracolo e para in angolo. Occasione unica per l’Empoli.


13:06

33′ – Bastoni pericoloso su punizione

Tiro mancino a giro, ma palla lenta. Il tiro di Bastoni va fuori con Mandas che segue la traiettoria del pallone.


12:58

25′ – Immobile giù in area

Supera Caprile, poi Immobile cade da solo. Condizioni da valutare, si tocca la caviglia sinistra. Bel passaggio filtrante di Zaccagni.


12:57

24′ – Lazio pericolosa con Immobile

Buon inserimento di Kamada che poi innesca Immobile: da posizione defilata calcia, ma un difensore chiude in angolo.


12:53

20 – Brivido per la Lazio

Kamada perde palla, Bastoni va verso la porta e calcia con il sinistro: palla di poco alta. Tudor furioso a bordocampo.


12:51

18′ – Segna l’Empoli, ma è fuorigioco

Caputo davanti a Mandas sbaglia, ma sulla respinta il pallone gli carambola addosso e finisce in rete. Tutto fermo, fuorigioco netto della punta dell’Empoli.


12:48

15′ – Ritmi bassi all’Olimpico

La partita non si accende, ritmi bassi, fa anche caldo. Nessuna occasione da gol anche se la Lazio cerca di fare il match.


12:40

8′ – Ci prova la Lazio

Cross di Felipe Anderson da destra per Immobile, bravo Luperto a tuffarsi di testa e ad anticipare il bomber della Lazio.


12:33

1′ – Si parte, inizia Lazio-Empoli

Si parte, primo pallone per l’Empoli. Clima di festa all’Olimpico. Fischia Aureliano.


12:32

All’Olimpico un minuto di silenzio

Minuto di silenzio in memoria delle vittime del tragico incidente sul lavoro avvenuto a Casteldaccia (PA).


12:17

Il momento emozionante all’Olimpico

Applausi, cori e Lucio Battisti di sottofondo. Lo speaker legge la storia formazione del primo scudetto. Poi i nomi del presidente Lenzini e del vice di Maestrelli, Bob Lovati. Tutti personaggi miti di questa società. Emozioni sugli spalti. Infine il giro di campo da parte di tutti i protagonisti.


12:04

Le parole di Tudor nel pre partita

“Abbiamo lavorato su tutti i concetti: su quelli da migliorare, da confermare e sulla mentalità. Oggi è una gara difficile con una squadre che si vuole salvare, ma non ci sono scuse. Noi abbiamo le nostre idee e i nostri obiettivi. Luis Alberto non convocato? Scelta tecnica”. Così Tudor a Sky Sport prima del fischio d’inizio di Lazio-Empoli.


11:58

La Lazio del 1974 in campo

Momento emozionante sul prato dell’Olimpico con i campioni del 1974 e i figli dei miti che non ci sono più schierati in formazione. Gabriele Pulici; Petrelli, Oddi, James Wilson, Martini; Stefano Re Cecconi, Nicolò Frustalupi, Nanni, Garlaschelli, Massimo Maestrelli, Matteo D’Amico. Manca il figlio di Chinaglia, impossibilitato nel venire a Roma (vive negli Stati Uniti).


11:55

Le parole di Lotito

“Oggi è una giornata epica, siamo tramandando la nostra storia ai posteri giovani, alle nuove leve per far capire quanto è importante essere laziale e avere orgoglio di appartenenza. Come anche l’avere la responsabilità di portare dei valori, come il merito, lo spirito di sacrificio, la determinazione e lo spirito di servizio nei confronti di persone meno fortunate che grazie a queste leggende trovano la forza di superare le grande difficoltà”. Così Lotito a Lazio Style Channel.


11:53

L’Olimpico si riempie

Sugli spalti arrivano i tifosi della Lazio, attesi quasi 60mila spettatori. Tutto l’Olimpico sarà tinto biancoceleste, un bel colpo d’occhio per una grande festa.


11:42

Empoli, la formazione ufficiale

EMPOLI (3-5-2) – Caprile; Bereszynski, Ismajli, Luperto; Gyasi, Maleh, Marin, Bastoni, Pezzella; Cancellieri, Caputo. All. Nicola.


11:30

Lazio, la formazione ufficiale

LAZIO (4-3-3) – Mandas; Patric, Romagnoli, Hysaj; Lazzari, Guendouzi, Kamada, Marusic; Felipe Anderson, Zaccagni; Immobile. All. Tudor.


11:19

Le parole di Pedro sulla Lazio del ’74

“Da quando gioco in biancoceleste mi è capitato di vedere in alcune occasioni dei video su quella squadra, capace di centrare una grande impresa. Spero che in futuro anche questa Lazio possa vincere lo scudetto: ci sono le basi e lo meriterebbero società e tifosi”. Così Pedro al match program prima di Lazio-Empoli.


11:10

Il francobollo per la Lazio del 1974

A 50 anni di distanza viene ricordato oggi con un apposito francobollo (piu’ un foglietto) lo scudetto vinto dalla Lazio nel 1974. La vignetta del francobollo singolo (valido per la posta ordinaria) riproduce, su un fondino biancoceleste, che richiama i colori della Società Sportiva, i loghi d’epoca e attuale del club; in alto a destra è riprodotto lo scudetto tricolore, rappresentativo della vittoria nel Campionato di calcio italiano 1973 – 1974. Il ”foglietto” (che include il francobollo ed e’ stampato in 250 mila esemplari) mostra una foto raffigurante la squadra di calcio della Lazio vincitrice dello scudetto, affiancata dall’allenatore e dal viceallenatore e cioe’: in piedi Lovati, Chinaglia, Petrelli, Pulici Martini, Oddi, Wilson, Maestrelli e accosciati Nanni, Garlaschelli, D’Amico, Frustalupi, Re Cecconi.


10:54

Anche una medaglia per i 50 anni dal primo scudetto

Iniziativa della società biancoceleste con l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato: tiratura di 1974 pezzi. Impressi i nomi e i volti degli eroi dello storico scudetto. L’Istituto ha reso noto che «la medaglia sarà ordinabile dal 13 maggio (domani, ndr) sul portale e-commerce ipzs.it. Le medaglie saranno inoltre acquistabili a partire dal 26 maggio in tutti i canali ufficiali SS Lazio e nei Lazio Store fino ad esaurimento scorte».


10:36

Arrivati i paracadutisti a Tor di Quinto

Atterrati i paracadustisti della S.S. Lazio Paracadutismo. Uno di loro portava in volo un enorme tricolore. Altro tributo alla Lazio del 1974. Qui il video.


10:24

Il ricordo di Massimo Maestrelli

Massimo Maestrelli, figlio del grande Tommaso, ai microfoni del nostro inviato ha raccontato: “Mi rivedo a quest’ora di 50 anni fa. Mi ricordo la telefonata del babbo che ci chiedeva di andare in albergo prima della partita. Vidi nei suoi occhi la tensione. Il momento del trionfo era vicino. La tensione di una vita, di un percorso. Lui ha fatto un film all’indietro: dalla guerra al trionfo. Stanotte non ho dormito. La vita di tutti è cambiata dopo quel 12 maggio. Diciamo grazie a quella Lazio. Oggi è la giornata di tutti i tifosi che hanno perso qualcuno che gli ha insegnato ad essere laziale”.


10:16

Svelata la targa dedicata a Maestrelli

In questi minuti svelata anche la targa dedicata a Tommaso Maestrelli al campo di Tor di Quinto. Alla celebrazione presente Riccardo Viola, figlio del mai dimenticato presidente della Roma. Presente pure il comandante dei Carabinieri della Caserma Salvo D’Acquisto.


10:11

Il volo dei paracadutisti

A breve si lanceranno i paracadutisti della Lazio Paracadutismo (Sezione della Polisportiva). Aereo partito dall’aeroporto dell’Urbe. Volo in leggero ritardo perché era già programmato un lancio anche al Circo Massimo.


10:06

Il programma della festa Scudetto

La società ha suggerito ai tifosi di arrivare con largo anticipo. I cancelli dell’Olimpico hanno aperto alle ore 10. Quasi 55.000 tra paganti e abbonati a ieri, altri 8-9 mila tagliandi disponibili, ingresso gratuito per gli under 14 (se accompagnati) Si viaggia verso quota 60.000 spettatori. Lo spettacolo scatterà alle 11 e durerà circa un’ora. Il prologo a Tor di Quinto. La targa svelata da Buccioni e dalla Polisportiva, il lancio dei paracadutisti (ore 9,30) al campo Maestrelli.


10:00

Lazio, un giorno per ricordare la storia

Il 12 maggio del 1974 la Lazio diventava Campione d’Italia per la prima volta nella sua storia. Un giorno speciale oggi, a 50 anni di distanza, perfetto per celebrare davanti a 60mila tifosi la banda Maestrelli. Alle 12.30 il fischio d’inizio della sfida con l’Empoli.


Roma – Stadio Olimpico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente “Como, si va in Serie A per starci a lungo”: i segreti della neopromossa Successivo Napoli, le pagelle: Meret non ha colpe, Cajuste fatica

Lascia un commento