Lazio, due squilli per l’Europa League. Patric e Luis Alberto affondano la Samp

La squadra di Sarri, in attesa delle gare di domani e lunedì, stacca la Roma e si porta a +6 su Fiorentina e Atalanta. Giampaolo deve ancora soffrire: la salvezza non è al sicuro

La Lazio centra l’obiettivo. Serviva la vittoria contro la Sampdoria per consolidare il quinto posto e accelerare il passo verso l’Europa League. Con un gol per tempo la squadra di Sarri esalta una prestazione di valore sul piano tattico e della personalità. Luis Alberto da trascinatore: assist per Patric e firma d’autore sul raddoppio. La squadra di Giampaolo riesce a tenere botta fino al gol. Poi non trova in sé le risorse giuste per riagguantare la partita anche perché la Lazio continua a premere in avanti.

PATRIC PRIMO GOL IN A

—  

Sarri ripropone Luis Alberto dal primo minuto. Lo spagnolo è l’unica novità nella formazione della Lazio rispetto alla trasferta contro lo Spezia: confermato Cataldi in regia (Leiva in panchina). Giampaolo mette Rincon e rispetto alla squadra che ha vinto nel derby c’è Vieira dal via nel ruolo di play: Ekdal non è al meglio e parte dalla panchina. Caloroso abbraccio tra i due tecnici prima della gara. La Lazio si impadronisce subito della manovra. Samp compatta e aggressiva per lanciarsi nelle ripartenze. Luis Alberto ci prova dalla bandierina: Audero smanaccia sopra la traversa. Pronto il portiere doriano anche su una successiva rasoiata del fantasista di Sarri. Lo spagnolo si incunea pure con uno slalom: murato dalla retroguardia ligure. Tentativo di Felipe Anderson dalla distanza, controllato da Audero. Rapida incursione della Samp al 20’: dalla destra Caputo per Thorsby che si inserisce e calcia alto. Due minuti dopo ancora al tiro i liguri: Strakosha si oppone a Rincon. Ribaltamento di fronte: diagonale di Anderson, deviato in angolo da Augello. Luis Alberto tenta di sorprendere Audero con una parabola: fuori. Il portiere della Samp disinnesca una bordata di Milinkovic. Nuova chance per Luis Alberto: il tiro fuori misura. Immobile accusa fastidi dopo aver ricevuto un pestone. Dalla panchina si valuta la sostituzione del bomber. Al 41’ punizione dalla destra di Luis Alberto scodellata in area: Colley non intercetta Patric che si inserisce tra il gambiano e Ferrari per infilare di testa Audero, portando la Lazio in vantaggio: primo gol in Serie A per il difensore spagnolo.

IL MAGO CHIUDE I CONTI

—  

Dopo l’intervallo il primo squillo è della Samp: botta di Sabiri ribattuta da Strakosha. Ritmo sempre alto. Gara a tutto campo. Audero si oppone in volo a Zaccagni. E vigila su un tocco di Immobile. Al 14’ la Lazio raddoppia con un’azione spettacolare. Prepotente discesa di Lazzari che serve Luis Alberto. Il Mago elude Audero e poi va in dribbling prima di mettere in rete a un passo dalla porta. Applausi dell’Olimpico per la perla dello spagnolo, alla quinta rete in campionato. Opportunità per Immobile: fuori. Al 20’ Sarri avvicenda Cataldi con Leiva. Al 24’ Giampaolo cerca la svolta in attacco: dentro Quagliarella e Damsgaard al posto di Caputo e Sabiri. Nuovi cambi nella Lazio: Luis Alberto e Lazzari (fastidi fisici) rilevati da Basic e Hysaj. Nella Samp spazio ad Askildsen per Thorsby. E Zaccagni viene avvicendato da Romero. Vieira cede il posto Trimboli e Rincon va al centro. Basic pericoloso al tiro. Assalto finale della Samp. Sul cross di Bereszynski, Quagliarella è in agguato: palo. Quattro di recupero. La Lazio tra l’entusiasmo dei 35 mila dell’Olimpico festeggia tre punti importantissimi per salire sul treno dell’Europa League.

Precedente Sassuolo-Udinese, le pagelle: Lopez inventa, 7. Nuytinck, gol e carisma: 7 Successivo Torino-Napoli, le pagelle: Pobega, che leggerezza, 5. Koulibaly e Ruiz colonne, 7

Lascia un commento