Lazio, contestazione all’Olimpico: prima il silenzio, poi cori e fischi

ROMA – Tutti in silenzio in Curva Nord e uno striscione che parla chiaro: “Una società che non difende i propri tifosi non merita rispetto”. I laziali in silenzio dopo i fatti di Monaco di Baviera: caos ai tornelli al momento dell’entrata allo stadio per assistere al match contro il Bayern di Champions. Un comportamento assolutamente da condannare da parte dei tifosi andati in massa in Germania. Inizia così il match all’Olimpico tra Lazio e Udinese, poi tornano i canti e le voci di incitamento. Ma alla fine del match, con la sconfitta, piovono fischi e cori contro i giocatori, la società, l’allenatore. Tutti nel calderone delle critiche, non si salva nessuno. Momento delicato in casa biancoceleste. L’Europa è sempre più lontana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Siviglia beffato al 95': 2-2 in casa dell'Almeria ultimo in Liga Successivo Esonero Sarri: da Roma arriva una voce, il sostituto