Lazio, 12,7 milioni per Akpa Akpro: ecco perché

ROMA – Tra le voci del bilancio diffuso dalla Lazio, quelle più particolari si trovano nella sezione acquisti e cessioni. La Lazio ha comprato a titolo definitivo sei giocatori nell’ultima sessione (Basic, Hysaj, Felipe Anderson, Romero, Pedro e Kamenovic) per un esborso complessivo di 7,2 milioni (esclusa Iva) più 0,9 di premi. Una cifra quasi interamente addebitabile a Basic, prelevato dal Bordeaux previo pagamento di 6,8 milioni elargibili in tre anni. Zaccagni infatti è arrivato in prestito per 200 mila euro con riscatto obbligatorio a 7 milioni.

La Lazio pareggia con il Cagliari: Sarri osserva dalla tribuna

Guarda la gallery

La Lazio pareggia con il Cagliari: Sarri osserva dalla tribuna

Gli incassi estivi

Per quanto riguarda le cessioni, invece, Caicedo è stato ceduto a titolo definitivo al Genoa per 2 milioni in premi che scatteranno nel 2022. Kiyine (Venezia) e Correa (Inter) sono quelli che di fatto hanno sbloccato il mercato in uscita: l’ex Salernitana con 400 mila di prestito e riscatto condizionato alla salvezza per 2,8 milioni più premi, l’argentino grazie ai ai 5 milioni di prestito oneroso pagati dal club nerazzurro, 1 di premio a inizio 2022 e 25 di riscatto obbligatorio in tre annualità.

Il caso Akpa Akpro

Il dato più curioso in assoluto, però, è senza dubbio quello che riguarda la cifra spesa per acquistare Akpa Akpro, che nel bilancio è salita dai 99.337 euro dello scorso anno a ben 12,7 milioni. Secondo quanto fatto sapere dal club biancoceleste, questo ammontare sarebbe comprensivo dei premi che scatteranno nelle stagioni future al raggiungimento di determinati obiettivi. L’ivoriano ha rinnovato il contratto con la Lazio sino al 2025.

Lazio, niente da fare per Sarri: squalifica confermata

Guarda il video

Lazio, niente da fare per Sarri: squalifica confermata

CorrieredelloSport.fun, gioca gratis, fai il tuo pronostico e vinci Buoni Amazon!

Precedente La Roma promuove i vaccini: oggi all’Olimpico la somministrazione di Moderna Successivo Allegri, il feticista delle teste buone

Lascia un commento