Lautaro-gol, fuorigioco di un soffio. Roma-Juve, mani De Ligt: i rigori erano due

Al minuto 17 si entra subito nel vivo: l’Inter va virtualmente in vantaggio, perché un lancio perfetto di Sanchez raggiunge Lautaro che scappa verso Strakosha e segna l’1-0. Aureliano al Var rivede tutto e la posizione geografica dell’argentino è (con la spalla) oltre la spalla Hysaj: fuorigioco di pochissimo, difficile vederlo dal campo. Al 25’ contrasto fra Bastoni e Immobile: l’interista cerca il pallone, giusto non ammonirlo. Il vantaggio (vero) dell’Inter è tutto regolare mentre c’è da riguardare il pareggio della Lazio, al netto degli errori dei difendenti interisti: siamo al 35’ pt e si contendono il pallone (alto) Felipe Anderson e Barella che cade male a terra. L’arbitro non ritiene che il laziale abbia fatto fallo, poi si accorge della botta presa alla schiena dall’interista e ferma il gioco col possesso-palla alla Lazio. Alla ripresa, palla a Cataldi che, con astuzia, avvia il pareggio di Immobile. Giuste le ammonizioni a Luis Felipe (su Gagliardini), a Basic (brutto intervento su Sanchez) e Vidal. E a proposito di cartellini, eccoci al 70’: riavvio dell’azione dell’Inter, in sequenza ci sono Zaccagni che entra su Barella in maniera fallosa, Radu che entra su Lautaro da dietro e poi lo stesso Radu che interviene duramente sulla caviglia di Dumfries. Inizialmente Pairetto dà un giallo e poi l’altro a Radu (e scatta il rosso), Aureliano lo richiama (il protocollo prevede lo scambio di persona) e gli dice che il primo fallo (dei tre) è stato di Zaccagni. Vero. Ma anche il primo dei due di Radu non era certamente leggero: evidentemente non è stato considerato da ammonizione…

Precedente Novak Djokovic, tribunale ribalta la decisione del Governo: potrà restare in Australia e giocare il Grande Slam Successivo Oliveira alla Roma?/ Calciomercato: intesa raggiunta con il Porto, i dettagli

Lascia un commento