Last Banner, condanne aumentate per i tifosi della Juve

TORINO – Sono state aumentate dalla Corte di Appello di Torino le condanne per cinque esponenti della tifoseria organizzata della Juventus processati nell’inchiesta Last Banner. I giudici subalpini hanno ricalcolato la pena complessiva per Dino Mocciola a otto anni di carcere (a fronte dei quattro anni e dieci mesi inflitti in primo grado). Per Salvatore Cava, Sergio Genre, Umberto Toia e Giuseppe Franzo le condanne sono rispettivamente a quattro anni e sette mesi, quattro anni e sei mesi, quattro anni e tre mesi, 3 anni e 11 mesi di reclusione.

Processo Last Banner: tutti i dettagli

Il processo riguardava quelle che secondo l’accusa furono le pressioni esercitate dalla curva nei confronti della società durante la stagione 2018-19. Intemperanze, scioperi del tifo e cori razzisti sarebbero stati orchestrati dagli ultras che non volevano perdere benefici e privilegi. Con la sentenza è stata riconosciuta l’associazione per delinquere; alcune vicende sono state ricondotte al reato di estorsione consumata. L’indagine della Digos, chiamata in codice Last Banner, prese le mosse dopo una denuncia presentata stessa Juventus.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Roma, De Rossi sorride: Lukaku e Smalling tornano in gruppo. Pellegrini fuori Successivo 30 anni senza Ayrton Senna. Imola apre l’autodromo per ricordarlo con mostre e spettacoli teatrali

Lascia un commento