L’annuncio della Fifa: vietata la vendita di birra negli stadi dei Mondiali. Ma per i Vip…

Gli stand per la vendita di alcolici saranno trasferiti in luoghi lontani dagli impianti. L’unica eccezione riguarda i settori riservati alle personalità

Critiche, tante. E ora anche problemi… reali. I padroni di casa del Qatar e la Fifa hanno vietato la vendita di birra negli otto stadi della Coppa del Mondo. Dozzine di tende da birra erano già state allestite negli stadi in vista della prima partita di domenica tra Qatar ed Ecuador. Budweiser è uno dei maggiori sponsor Fifa, ma dovrà trasferire gli stand che vendono i suoi prodotti negli stadi in luoghi più defilati. La birra rimarrà disponibile nelle aree vip negli stadi, vendute dalla Fifa, nella fan zone principale della Fifa a Doha, in alcune fan zone private e in circa 35 bar di hotel e ristoranti.

Discussioni

—  

In Qatar l’alcol non è illegale, ma la vendita di prodotti alcolici è consentita solo in luoghi appartati, all’interno di hotel o negozi “nascosti” agli occhi della gente comune. Secondo volontari e personale dell’organizzazione a Doha, sarebbero stati esponenti del governo qatarino a fare pressioni sulla Fifa per vietare l’alcol non soltanto negli stadi ma anche nei dintorni in occasione della Coppa del mondo che comincerà dopodomani. Nei giorni scorsi erano stati i media americani a diffondere la notizia del permesso del Qatar di lasciar aprire al potente sponsor dei mondiali Budweiser alcuni stand per la vendita di birra attorno agli stadi, anche se in luoghi ”discreti” e non in grande evidenza.

Precedente Pampa Sosa: "Voglio allenare in Serie C. Vi racconto di quando Maradona..." Successivo Roma, ricordi Coric? Dimentica una pistola in hotel, scatta l’allarme. Ma era finta

Lascia un commento