L’affondo di Agnelli: “Sistema da cambiare. La Juve? Ancora protagonista”

Nella lettera del n.1 bianconero agli azionisti grande spazio ai temi del calcio globale e della Superlega: “La Juve ci sarà e il sostegno della mia famiglia, da ormai quasi un secolo, è la migliore garanzia”

La lettera di Andrea Agnelli agli azionisti, che ogni anno accompagna la relazione di bilancio della Juventus, questa volta è per gran parte incentrata sul futuro del calcio mondiale e sul progetto della Superlega. Lo spazio dedicato agli argomenti di “sistema” la dice lunga sulla volontà del numero 1 bianconero di continuare a condurre la battaglia per il cambiamento dell’industria calcistica: “Le grandi istituzioni del calcio, che agli albori svolgevano la funzione di terze parti indipendenti e garanti dell’applicazione corretta delle regole, hanno progressivamente aggiunto al ruolo di regolatori quello di organizzatori, broker, distributori del prodotto calcio e infine percettori e distributori dei proventi. La programmazione sana e credibile di una società non può basarsi su obsolete impalcature di sistema, pena il ridimensionamento collettivo del comparto, cioè quanto di meno auspicabile per il calcio, lo sport più popolare del mondo”.

generazione Z

—  

La chiave sta nella capacità di intercettare il nuovo pubblico: “Da anni si parla della generazione Z, dei suoi valori, delle sue esigenze. Il calcio deve rimanere centrale nel suo tempo libero, nel suo mix di interessi. Nel mondo digitalizzato l’utente ha un potere di scelta enorme, che non può essere ignorato e, pertanto, egli sceglierà in base alle proprie inclinazioni e ai valori che lo rappresentano”. Da qui la necessità, secondo Agnelli, di puntare sulla Superlega, per tre “valori essenziali”: controllo dei costi “che contribuisca, contrariamente a quanto affermato anche in sedi autorevoli, all’equilibrio competitivo delle competizioni”; “un forte impegno alla solidarietà e alla mutualità”; “la centralità delle prestazioni dei club nelle competizioni europee e del contributo di questi allo sviluppo dei talenti come elementi fondanti di un nuovo concetto di “meritocrazia” sportiva (concetto che non può basarsi esclusivamente sulle performance domestiche in ossequio a equilibri geopolitici e commerciali che dovrebbero rimanere estranei all’essenza dello sport)”.

Juventus

—  

In questo quadro reso incerto dal Covid e dalla lotta senza precedenti tra interessi confliggenti, Agnelli si dice convinto che la Juventus “abbia, oggi, le caratteristiche adatte per affrontare le sfide future”, alla luce dello sviluppo economico e sportivo degli ultimi 10 anni e nonostante i danni pesantissimi della pandemia e il passivo record di 210 milioni dell’ultimo bilancio. E infine una promessa nella doppia veste di presidente e rappresentante della Famiglia proprietaria: “La Juventus ci sarà e il sostegno della mia famiglia, da ormai quasi un secolo, sono la testimonianza più tangibile e la migliore garanzia per continuare a ricoprire un ruolo di vertice nel grande spettacolo del calcio: condividendo la stessa passione con centinaia di milioni di tifosi in tutto il mondo”.

Precedente Luis Alberto, il Mago della Lazio a cui il Liverpool non ha dato tempo Successivo Dubbio Donnarumma per Pochettino, Guardiola aspetta Messi: "Spero giochi"

Lascia un commento