La sosta ha aiutato il Diavolo, ma Napoli-Milan è aperta

Giocando prima della pausa sarebbe stato un match sicuramente diverso. Mancheranno Osimhen e Leao e le due squadre inevitabilmente risentiranno di ciò che è successo in queste due settimane

La sosta. Sono in tanti ad aspettarla, a dipingerla come un momento – finalmente – per tirare un po’ il fiato. Poi ti accorgi che non è proprio così. Anzi, non è affatto così. La sosta, per gli allenatori, è una maledizione sportiva, perché interrompe e spezza il lavoro, ti costringe a fare i conti con la stanchezza di giocatori appena rientrati da ogni parte del mondo.

Precedente Ibra, Lukaku, Morata e gli altri: la rivincita dei numeri nove Successivo Eder e la Cina: "Ora la gente gira libera senza mascherine. Prima stavamo segregati in stanza singola"

Lascia un commento