La scioccante frase urlata all’arbitro turco dal presidente dell’Ankaragucu: “Ti ammazzo”

ROMA – Brutta disavventura per l’arbitro turco Halil Umut Meler: il direttore di gara, al termine dell’incontro tra Ankaragucu e Caykur Rizespor, è stato raggiunto e colpito al volto dal presidente dell’Ankaragucu, Faruk Koca. Quest’ultimo, corso in campo, ha sferrato un pugno al direttore di gara, causandone la frattura di un osso del viso, facendolo cadere a terra, dove è stato poi preso a calci da diverse persone mentre giaceva a terra. 

Il presidente ha detto “Ti ammazzo”

Halil Umut Meler, immediatamente portato in ospedale per le cure, ha dichiarato che “Faruk Koca mi ha dato un pugno sotto l’occhio sinistro e sono caduto a terra. Poi diverse persone mi hanno preso a calci in faccia e in altre parti del corpo, molte volte. Faruk Koca ha detto ‘Ti ammazzo'”

La condanna di Erdogan

Le immagini shock hanno fatto il giro del mondo, e anche il presidente turco Erdogan è intervenuto: “Condanno l’aggressione contro l’arbitro Halil Umut Meler dopo la partita Ankaragucu-Caykur Rizespor – ha dichiarato – e gli auguro una pronta guarigione. Lo sport significa pace e fratellanza. Lo sport è incompatibile con la violenza. Non permetteremo mai che si verifichi violenza nello sport turco“.

Le parole di Infantino

Non si è fatta attendere anche la condanna della Fifa, da parte del presidente Infantino: “Questi comportamenti non possono avere luogo nel calcio. Arbitri, giocatori, tifosi e staff devono sentirsi sicuri per godersi il gioco. Invito le autorità competenti a garantire che la sicurezza sia implementata e rispettata a tutti i livelli”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Ha fermato Messi, lo vuole il Torino: chi è Successivo Lukaku, una giornata di squalifica: salta la sfida della Roma con il Bologna