La ripicca cinese: Cannavaro e staff “sequestrati” 12 giorni a Doha

Sfiorato incidente diplomatico. È accaduto a dicembre dopo la Champions per volontà del Guangzhou Evergrande. La causa è il braccio di ferro sul contratto. Fra i “fermati” il fratello Paolo e Castellacci

Una storia di calcio. Che di calcio giocato però ha ben poco. Un episodio su cui sarebbe il caso che Fifa e Afc (federazione asiatica) indagassero a fondo per verificare se tutti i comportamenti siano stati compatibili con i regolamenti internazionali. Non si arriva a parlare di sequestro di persona, ma valutando che c’è stato anche l’intervento dell’ambasciata italiana in Qatar, quanto successo a Fabio Cannavaro e al suo staff italiano con il Guangzhou Evergrande ha sfiorato l’incidente diplomatico.

Precedente Raggi: “Sfida bellissima, fa bene alla città. Roma al Flaminio? Pronti a discutere” Successivo Milan, Ibra pronto dal 1'. Juve con Chiesa. Inter: sulle fasce Hakimi e Young

Lascia un commento