La replica di Barone: “Potevi risparmiarti l’attacco a Commisso. Irrispettoso”

Il d.g. dei viola: “Se davvero Antognoni vuole bene alla Fiorentina, poteva restare. Gli abbiamo offerto un ruolo importante e lui ha rifiutato. Pensiamo al campionato e non a mancare di rispetto al presidente”

“Antognoni resterà sempre la bandiera della Fiorentina e gli voglio bene: ma se voleva bene alla Fiorentina poteva restare. E Commisso non deve chiedere scusa a nessuno”. Dopo il divorzio, e le parole dell’ex dirigente alla Gazzetta dello Sport, arriva la replica della società viola per bocca del direttore generale Joe Barone.

“La squadra non ha bisogno di essere distratta, il campionato resta la cosa più importante. Ci dispiace aver letto quelle parole, abbiamo offerto a Giancarlo un lavoro molto importante, un ruolo fondamentale per il futuro della Fiorentina, ovvero scoprire futuri talenti. Non riteniamo una cosa bella aver attaccato così Commisso, lui ha fatto di tutto e non deve nè chiamare nè scusarsi con nessuno. Commisso ha fatto pubblicamente commenti molto belli su Antognoni e il ruolo che gli avevamo proposto. Giancarlo ha il numero di Rocco, se voleva poteva chiamarlo tranquillamente. Ripeto, la Fiorentina e la squadra restano la cosa più importante. Poi Antognoni resterà la bandiera, non lo abbiamo buttato fuori noi. E’ stata una sua decisione e nessuno gli ha mai detto di andare via”.

mansioni

—  

Ancora Barone. “Per noi il settore giovanile, dopo gli 87 milioni spesi per il centro sportivo, è il futuro. Vogliamo giocatori ‘made in Fiorentina’ e si riteneva che Antognoni avesse tutto per questo ruolo. Questa è stata la nostra via per Giancarlo, lui non l’ha accettata e basta. Sarebbe stato un lavoro di tanta responsabilità con una posizione importante. Non voglio polemizzare, voglio bene a Giancarlo, ci dispiace. Ma pensiamo al campionato e non a mancare di rispetto a Commisso”.

vlahovic

—  

Chiusura anche sul numero 9 viola: “Sono sempre accanto alla squadra, parlo a Dusan e parlo a tutti. Stiamo lavorando per il rinnovo, non posso dire che arriverà oggi, domani tra una settimana o fra qualche mese. Ripeto, ci stiamo lavorando. Però per ballare ci vogliono due persone, uno non balla da solo”.

Precedente CALCIOMERCATO LAZIO/ Brandt si complica, Lucas Leiva parla del futuro Successivo Riecco Tomori: "Sogno le notti Champions coi tifosi. E quel gol alla Juve..."

Lascia un commento