La Polonia aspetta Cannavaro: attesa per oggi la risposta definitiva

Il presidente federale Kulesza è convinto dal progetto che gli ha presentato l’ex difensore azzurro. L’incertezza riguarda i playoff per il Mondiale: avrebbe pochissimo tempo per preparare la squadra

Un viaggio in Polonia per ascoltare e rispondere all’invito del nuovo presidente della federcalcio polacca, Cezary Kulesza. Fabio Cannavaro era partito per Varsavia con questa intenzione, ma quando nel pomeriggio di ieri ha incontrato il dirigente si è reso conto di avere davanti un interlocutore che non faceva un sondaggio fra vari tecnici ma è assolutamente determinato a portare il Pallone d’oro e campione del mondo 2006 a guidare la nazionale polacca, dopo la partenza del portoghese Paulo Sousa che ha preferito rescindere il contratto per andare ad allenare in Brasile il Flamengo.

Feeling

—  

È quello che è scattato fra i due perché Fabio, che per carattere è un perfezionista, si è presentato anche con un programma molto preciso su come intenderebbe gestire il gruppo e allenare una nazionale che potenzialmente è fra le migliori d’Europa ma spesso non è stata all’altezza del proprio potenziale. Un programma ambizioso, complesso, che coinvolge anche le rappresentative giovanili. Un progetto che è piaciuto molto a Kulesza, il quale si è detto subito pronto a sottoscrivere un contratto di tre anni fino all’Europeo del 2024. Un’offerta importante, al di là dell’aspetto economico (circa 2 milioni netti all’anno), che chiaramente darebbe una impronta precisa alla carriera di tecnico di Cannavaro, che aveva già avuto un’offerta anche dall’Iran. Nei suoi progetti, una volta lasciata la Cina (dove tra l’altro ebbe un interregno da c.t. per due partite), c’è di allenare in Europa ma un club piuttosto che una nazionale.

Pro e contro

—  

Come detto il tecnico napoletano non è arrivato impreparato e prima di partire aveva a sua volta fatto un sondaggio di massima fra i giocatori polacchi più importanti, per valutarne il gradimento. Fra questi il centravanti del Bayern Monaco Robert Lewandowski che si è detto entusiasta della scelta, un atteggiamento positivo che è già trapelato in federazione, sul nome di Cannavaro, e questo ha spinto Kulesza a incalzare l’allenatore ad accettare la proposta di essere nuovo c.t. Però Fabio riflette anche sul fatto che a marzo ci saranno i playoff per il Mondiale, dove la Polonia affronterà prima la Russia a Mosca e, in caso di passaggio, la vincente di Svezia-Repubblica Ceca, sempre in trasferta. Dunque una qualificazione in salita, da guadagnare con due successi in trasferta. Difficile ma non impossibile. Prima di quelle sfide il nuovo c.t. avrebbe a disposizione la squadra solo per pochi giorni. Ed è questo che frena parecchio l’allenatore. Perché è un ambizioso e il fatto di non aver tempo per preparare delle sfide così importanti lo lascia perplesso.

Candidatura

—  

Pirlo Cannavaro ha promesso una risposta oggi al massimo dirigente polacco. Dovesse dire di no, salirebbe parecchio la candidatura come c.t. della Polonia di Andrea Pirlo, reduce dall’annata double-face alla Juventus. Ancora non c’è stato un contatto ufficiale, ma questo avverrebbe nel giro di qualche giorno se Cannavaro rinunciasse a questa possibilità. A dimostrazione che il calcio italiano comunque esprime eccellenze nel settore tecnico, all’avanguardia per preparazione.

Precedente Kessie e il Milan, ecco perché ora il rinnovo è possibile Successivo Supercoppa, si teme un blitz di Speranza: anche Inter-Juve con soli 5.000 spettatori?

Lascia un commento