La Polisportiva Open Milano organizza un torneo contro le discriminazioni

Il 23 marzo, la Polisportiva Open Milano ASD ospiterà “Il Torneo di Calcio Contro le Discriminazioni di Identità di Genere e Orientamento Sessuale” presso il Centro Sportivo Cappelli in Piazza Caduti del Lavoro 5, Milano. L’evento si svolgerà dalle 10 del mattino alle 18 di sera e accoglierà 30 squadre provenienti non solo dal territorio milanese ma da tutta Italia.Il torneo, suddiviso in tre categorie di competizioni, offre una piattaforma inclusiva e aperta a tutte le persone, a prescindere dal genere e dall’identità di genere e indipendentemente dal livello di esperienza. Le categorie includono “Coppa Sport per Tutte, Livello Base”, “Coppa Open Milano, Livello Intermedio” e “Coppa Lombardia, Livello Avanzato”. Ogni competizione basata sulle categorie vedrà due gironi composti da 5 squadre ciascuno (per un totale di 6 gironi) che si svolgeranno in parallelo su 6 campi. Le fasi finali includeranno la disputa di due coppe (Coppa e Coppetta) per ciascun girone, con premiazioni previste per le prime, seconde e terze classificate, nonché la “Coppa Sfortuna” per le squadre classificate agli ultimi posti.

Polisportiva Open Milano, inclusione e accoglienza

Il fulcro di questo evento risiede nei valori di inclusione e accoglienza. Ci impegniamo a creare uno spazio sicuro e non giudicante per tutti i partecipanti, promuovendo l’uguaglianza nell’accesso allo sport e il benessere psicofisico attraverso l’attività fisica. “Vogliamo comunicare questi valori non solo alla comunità LGBTQIA+spiega il presidente di Open Riccardo Pappalardo ma anche alle realtà sportive più ampie, promuovendo l’accesso libero e senza discriminazioni allo sport”. Valori, questi, che Open Milano vive durante tutto l’anno con i progetti sportivi continuativi di Open Milano Calcio, con la presenza di tre squadre: una di calcio a 5, una di calcio a 7 e una a 5 interamente composta da persone trans* e non-binarie, aceTeam. Il torneo sarà l’occasione per festeggiare il primo anno di vita di aceTeam e ascoltare le voci dell? atlet? su come l’esperienza in Open abbia aperto nuove possibilità, generalmente precluse per le persone non cisgender. Il torneo è patrocinato da istituzioni di rilievo, tra cui il Municipio 5 di Milano, il CONI Comitato Regionale Lombardia, UISP Lombardia e UISP Milano, nonché Arcigay Sport. Inoltre, saranno presenti punti informativi gestiti da diverse organizzazioni impegnate nella promozione dell’inclusione e della diversità, tra cui SGS Sport for All Genders and Sexualities, GayMinOut, CIG Arcigay Milano, Arcigay Sport, MiX Festival Internazionale di Cinema LGBTQ+ e Cultura Queer, Progetto Tukkiki (promozione sportiva per persone con disabilità intellettive) e Pride Sport Milano.

Gli ospiti del torneo 

Tra gli ospiti speciali, Valerio Moggia di Pallonate in Faccia, un progetto che intreccia storie di calcio, società e politica. L’evento sarà plastic free, aperto al pubblico e completamente gratuito, con le premiazioni che avverranno direttamente sul campo. Inoltre, il 22 marzo, si terrà un aperitivo presso il POP Milano in via Tadino 5, dove verranno presentati i tabelloni dei gironi. Questo torneo rappresenta il naturale proseguimento del percorso avviato da Open Milano con l’iniziativa “Te lo do io il Qatar” lo scorso anno, testimoniando il nostro impegno continuo verso un’agenda di inclusione e accoglienza nel mondo dello sport. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Juve impreparata sui calci da fermo: Allegri, non sono polli ma schemi da basket Successivo Tommaso Paradiso, frecciata social a Lotito: "Da vent'anni un'era oscura"