La moviola: Demiral su Zaniolo, manca un penalty alla Roma. Dest-Kvara, è un “rigorino”

Giusta l’espulsione di Di Maria a Monza, nessun errore di Valeri in Udinese-Inter

La moviola di Udinese-Inter, Monza-Juventus, Roma-Atalanta e Milan-Napoli.

UDINESE-INTER (VALERI)

—  

Tre momenti chiave nella direzione di Valeri, ben assistito dal Var (Aureliano). Il primo va in scena nell’1-1 dell’Udinese: l’Inter reclama un fallo di Becao su Dzeko ma è il bosniaco che “crolla” a terra dopo che il giocatore friulano si svincola dalla trattenuta di maglia. Il secondo: Dumfries, “spallato” da Beto, perdendo l’equilibrio calcia l’attaccante che cade qualche metro dopo; il contatto esiste, Valeri lo considera non punibile per il colpo iniziale dell’attaccante. Il terzo: nel 3-1, Success è in “offside” che non impatta (su Handanovic e D’Ambrosio, che non protesta minimamente) anche perché il pallone è alto e scavalca la zona interessata.

MONZA-JUVENTUS (MARESCA)

—  

Solitamente prodigo di cartellini, Maresca inizia la gara con l’idea di non esporre troppi gialli da subito: ma lo meriterebbero, in sequenza, Pablo Marì (su Pereyra), Gatti (su Caprari) e Kostic (su Mota). Maresca non può esimersi, però, dal mostrare il rosso diretto a Di Maria che, punzecchiato da Izzo, reagisce alle provocazioni rifilando una gomitata violenta al petto del monzese: espulsione senza discussioni. Nella ripresa, Vlahovic va a terra al 6’: non subisce spinta e pochi minuti dopo McKennie avrebbe meritato il giallo su Izzo. Il gol del vantaggio del Monza ha svolgimento regolare: Gytkjaer è in gioco. Corrette, nel prosieguo, le ammonizioni a Ciurria e Caldirola (che forse l’avrebbe meritata prima su McKennie) e consona la dilatazione del recupero che finisce per registrare 5’+2’+1’.

ROMA-ATALANTA (CHIFFI)

—  

Partita in cui Chiffi appare insicuro in troppe occasioni. Ad inizio gara De Roon trattiene prima Pellegrini e poi Zaniolo, senza mai essere ammonito. Frettoloso il giallo a Maehle, che entra in ritardo su Mancini, ma viene poi colpito lui. Al 40’ le prime proteste giallorosse: trattenuta di Demiral su Zaniolo in area, Chiffi non fischia il rigore per il vantaggio. Nella ripresa due casi identici: trattenuta reciproca in area tra Okoli e Zaniolo. Nel primo Chiffi prima fischia la punizione fuori area poi fa riprendere con il fallo di fondo e sulla ripartenza di Hateboer Mourinho entra in campo: rosso diretto e proteste del tecnico giallorosso. Nel secondo lascia correre.

MILAN-NAPOLI (MARIANI)

—  

Ci vogliono 2’07” per capire cosa è veramente accaduto fra Dest e Kvara: due minuti e passa in cui il Var deve richiamare all’on field review Mariani. L’arbitro – non ben posizionato – era convinto che il difensore milanista avesse preso il pallone. Invece è oggettivo il contatto piede destro-piede destro in area rossonera, così a Mariani tocca valutare l’intensità dell’intervento: e l’intensità non è travolgente e quindi assomiglia ben più a un “rigorino”. Nel resto, ben visti invece i colpi di spalla e di schiena in area di De Ketelaere (18’ p.t.) e di Di Lorenzo su tiro di Theo al 12’ s.t., corrette le ammonizioni mentre ne mancano due ovvero quella di Saelemekers su Lobotka (8’ p.t.) e Bennacer che blocca una fuga di Zielinski. Ma su tutto resta la valutazione del rigore: il contatto esiste ma…

Precedente Milinkovic Savic da record: nella top 10 della storia della Lazio Successivo Pagelle Lazio: Felipe Anderson convinto e deciso, Milinkovic sostanza e giocate di classe

Lascia un commento