La Lazio aspetta i gol di Immobile. E il Verona è tra le sue “vittime” predilette…

L’attaccante ha segnato due reti nelle prime sei giornate, media non preoccupante ma nemmeno quella a cui ha abituato i suoi tifosi. Era successo anche nel 2016, quando nel settimo turno realizzò una doppietta

Questione di cabala. Da quando nel 2016 è arrivato alla Lazio, solo nella prima stagione Ciro Immobile aveva segnato appena due reti nelle prime 6 partite stagionali. Nella settima si sbloccò con due reti all’Udinese realizzando così 7 gol nelle 5 gare successive. Passati sei anni la situazione è la stessa: prime sei partite stagionali, due gol segnati. Non una media preoccupante, ma nemmeno quella alla quale Immobile ha abituato la Lazio e i suoi tifosi. Contro il Verona, nella settima uscita, punta a segnare, proprio come successo nel 2016 contro l’Udinese. E l’Hellas, fra l’altro, a Immobile porta pure una discreta fortuna.

LA SITUAZIONE

—  

Rispetto a un anno fa di questi tempi la Lazio è molto più squadra: i dettami tattici di Sarri sono stati assimilati meglio e non ci si aggrappa più al solo Immobile per segnare. Da Felipe Anderson a Vecino, passando per Pedro, Luis Alberto e Lazzari, quest’anno la Lazio, facendo un gioco più corale, sta mandando in porta con maggiore frequenza anche altri giocatori. Il fatto che oltre a Immobile sia (per il momento) calato anche l’apporto realizzativo di Milinkovic (che non ha segnato ma comunque 3 assist li ha serviti) dimostra inoltre che probabilmente le due stelle biancocelesti hanno ancora bisogno di entrare in forma. Immobile in carriera al Verona ha segnato 8 gol, solo a Sampdoria, Genoa (con entrambe ha timbrato il cartellino 11 volte) e Spal (9) lo ha fatto più spesso. Domenica proverà quindi a sbloccarsi anche per non allontanarsi troppo dalla vetta della classifica marcatori: avendo vinto il titolo in 4 circostanze (miglior italiano di sempre), è secondo solo a Nordahl, che ci è riuscito 5 volte. L’obiettivo è eguagliare il record, ma per farlo deve rialzare la media gol. Proprio come successo nel 2016, quando si sbloccò alla settima uscita stagionale. Questione di cabala…

Precedente Milan, Tonali dopo il rinnovo: “Sempre più casa” Successivo Roma, durante la sosta può partire la trattativa per il rinnovo di Zaniolo fino al 2027

Lascia un commento