La Juve vuole Milik subito, intanto avanza Quagliarella

La Juventus sonda, ma ancora non affonda per l’attaccante. Un po’ perché, anche in un mercato senza soldi come ora al tempo del Covid, l’occasione improvvisa può presentarsi persino negli ultimi giorni. O semplicemente rispuntare. Già, perché il piano A dei campioni d’Italia, nonostante i numerosi contatti su più fronti (da Llorente a Giroud, da Pellè a Quagliarella), resta quello di partenza. Cioè completare il reparto offensivo di Andrea Pirlo guardando con un occhio al presente e l’altro al futuro. In due parole: Arkadiusz Milik. Il centravanti polacco, per età (26 anni) e situazione attuale (il suo contratto con il Napoli scade a giugno e attualmente è fuori lista), resta la prima scelta alla Continassa. Portare subito l’ex Ajax a Torino garantirebbe a Pirlo un vice Morata e una quarta punta di lusso per l’immediato, ma anche in vista della prossima stagione. Milik sarebbe un investimento, non un semplice aggiustamento in corsa. Senza contare che consentirebbe alla Juventus di proseguire l’opera di rinnovamento e ringiovanimento della rosa, avviata in estate. Volere, però, non è sempre potere. Soprattutto perché il Napoli continua a chiedere 15 milioni per il suo numero 99. E non è soltanto un modo di dire come dimostrano le offerte di Atletico Madrid e Marsiglia: entrambe sotto i 10 milioni, entrambe rifiutate. Di qui al 31 gennaio può succedere di tutto sul fronte Milik. Negli ambienti bianconeri sperano di trovare un’intesa con il club di Aurelio De Laurentiis, ma nessuno si illude troppo. Fino alla fine, rilanci permettendo di altre pretendenti, sarà fatto un tentativo per acquistare subito Milik confidando in un abbassamento delle pretese del Napoli e magari in un’operazione creativa.

Pirlo jr si allena a battere i calci di punizione: quante somiglianze con il papà!

Guarda la gallery

Pirlo jr si allena a battere i calci di punizione: quante somiglianze con il papà!

Piano over 30

In caso di fumata nera, tutto rimandato a giugno per Milik, quando il polacco sarà svincolato ma la concorrenza sarà maggiore (occhio a Inter e Atletico), e via al piano Over 30 per l’immediato. Il dg Fabio Paratici una punta da aggiungere a Cristiano Ronaldo, Morata e Paulo Dybala la vuole tesserare entro fine mese, anche solo per un fatto numerico in modo da poter gestire al meglio le emergenze. E se non dovesse succedere un miracolo per Milik, alla Continassa arriverà una quarta punta esperta e dai costi contenuti. Da questo punto di vista i dirigenti bianconeri continuano a lavorare su più tavoli. Le gerarchie possono cambiare in base alle condizioni più o meno favorevoli, dal momento che l’aspetto economico è centrale nelle valutazioni, però i movimenti degli ultimi giorni hanno fatto rialzare le quotazioni di Fabio Quagliarella. Il bomber della Sampdoria, 38 anni a fine mese, ha già vinto tre scudetti con la Juventus ed è stimato da Pirlo. «Fabio lo conosco, è un grande attaccante», ha detto ieri l’allenatore juventino. Altrettanto possibilista sull’affare è stato Claudio Ranieri, tecnico dei blucerchiati: «Quagliarella alla Juventus? Non so se sia vero. Certo che per Fabio, che compie 38 anni a fine gennaio, sarebbe un premio. Vedremo come andrà a finire. Se Quagliarella dovesse andare via, dovrà arrivare un sostituto». Non a caso la Sampdoria vorrebbe un indennizzo (un milione più un altro in bonus) per salutare con sei mesi d’anticipo il proprio capitano, con il quale è già stato aperto un discorso per il rinnovo. Ma l’ostacolo più grande, comunque superabile, è la durata del contratto di Quagliarella alla Juventus. L’ex bianconero è disposto a traslocare per un accordo di un anno e mezzo, non per sei mesi. L’opzione di rinnovo potrebbe essere un buon compromesso per lui e anche per il 35enne Olivier Giroud del Chelsea, che sarebbe intrigato da un’esperienza con i campioni d’Italia (c’è anche l’Atletico Madrid). Di un contratto fino a fine stagione potrebbero invece accontentarsi Graziano Pellè, svincolato dopo l’esperienza cinese, e Fernando Llorente, ai margini e in scadenza con il Napoli come Milik.

Juve, Cuadrado è positivo al coronavirus

Guarda il video

Juve, Cuadrado è positivo al coronavirus

Precedente Maradona, una statua davanti allo stadio a Napoli: venerdì parte l'iter in Comune Successivo Benevento, Inzaghi: "Stiamo facendo cose speciali, ma non montiamoci la testa"

Lascia un commento