La Juve casuale e un progetto da rivedere: le speranze e i problemi oltre Allegri

Juve, la ristrutturazione e i dibattiti

La società continua a rinviare qualsiasi ragionamento sul futuro al momento in cui l’accesso alla Champions League sarà ufficialmente conquistato, la speranza è che sia solo una strategia comunicativa e che la ristrutturazione della Juventus abbia già un progetto chiaro e lavori avviati. C’è molto da fare, al di là delle limitazioni finanziarie che legheranno un po’ i movimento di Cristiano Giuntoli e dei suoi uomini, anche solo per rimettere le basi sulle quali costruire una squadra vincente, come si aspetta la proprietà e, soprattutto, milioni di tifosi che, in questo momento, si spaccano sul dibattito intorno all’allenatore, ma presto dovranno riflettere in modo meno miope sui problemi che hanno, negli ultimi tre anni, impedito alla Juventus non solo di vincere, ma anche di generare il minimo sindacale di entusiasmo.

De Rossi e l’entusiasmo della Roma

Entusiasmo che non basta alla Roma di Daniele De Rossi, ancora in ballo (e non è una cosa facile) per conquistarsi il suo, di posto in Champions League. De Rossi è bravo, comunica in modo perfetto, allena in modo serio, meriterebbe di restare. Al di là dei risultati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Tensione Lazio, i motivi del nervosismo e la mossa sul caso Zaccagni Successivo Sassuolo, Carnevali e la salvezza: "La speranza è l'ultima a morire. Giochiamo come contro l'Inter"

Lascia un commento