La gioia di Corsi: “Qui ho perso la A, la ruota gira. Baldanzi resta”

Il presidente si gode una vittoria contro ogni logica e pronostico ma assolutamente meritata. Davide ha battuto Golia ma resta con i piedi ben piantati per terra.

Una serata da protagonisti alla scala del calcio. Corsi si gode una vittoria nello stesso stadio che gli ha dato, tre anni fa, una grandissima amarezza. Il presidente dell’Empoli ha espresso emozioni e sensazioni ai microfoni di Sky Sport dopo la vittoria in casa dell’Inter.

ONORE

—  

Una vittoria contro ogni logica e pronostico ma assolutamente meritata. Davide ha battuto Golia. “Per una squadra e una realtà come l’Empoli giocare a San Siro è già un onore. Siamo una piccola realtà di provincia di 50000 abitanti. Tutta la nostra città non riempirebbe questo lo stadio. Questo dà l’idea di quanto sia una vittoria straordinaria, ci è capitato di vincere cinque o sei volte a San Siro ma ero sempre sul divano. Sono qui per la prima volta, non perché me la sentissi, speravo al massimo in un pareggio. Qui tre anni fa ci abbiamo lasciato la serie A, a volte la ruota gira e ci permette anche di toglierci qualche soddisfazione”.

SOGNO

—  

Un sogno a occhi aperti: la proiezione è di 50 punti. Se non è Europa, poco ci manca. E la Fiorentina è dietro in classifica.  “Qui ad Empoli sappiamo bene che nel calcio bastano tre o quattro partite per cambiare totalmente lo scenario. Sicuramente i nostri tifosi ricameranno sull’essere davanti alla Fiorentina ma non ha senso fare questo tipo di  paragone. Noi giochiamo un altro campionato e il nostro obiettivo resta quello di centrare la salvezza. Questa vittoria deve lasciare in eredità la voglia di allenarsi e migliorarsi”.

GIOIELLI

—  

Una vittoria preziosa, firmata da un gioiello come Baldanzi. Già uomo mercato. “Sono felicissimo che il gol sia arrivato da un ragazzo protagonista dello scudetto Primavera. Di quella squadra c’erano tre calciatori in campo, uno nell’Inter. Baldanzi andrà a giocare in una big ma deve completarsi a Empoli per essere pronto al 100%. Per adesso non penso alla valutazione, non ha senso pensarci. Si rischia solo di andare fuori strada. Il nostro obiettivo invece è di mantenere la barra dritta. I complimenti fanno piacere ma preferiamo guardare in faccia la realtà. Giusto godersi la vittoria a San Siro ma da domani si inizia a pensare al Torino”.

Precedente Diretta Australian Open 2023/ Tsitsipas Lehecka streaming video tv, via ai quarti! Successivo Bologna, Thiago Motta: "Meritavamo di più. Troppo pochi 55' di gioco effettivo"

Lascia un commento