Krunic: “Ibra? È incredibile, a volte ci vergogniamo…”

Rade Krunic MilanRade Krunic Milan

Stella Rossa-Milan, l’intervista a Krunic

Rade Krunic, centrocampista del Milan, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Mozzartsport.com. Krunic ha parlato ovviamente di Stella Rossa-Milan”.

Arrivate ​​a giocare in Serbia dopo una brutta sconfitta in campionato contro lo Spezia.

“Non so che dirti, dopo quella partita abbiamo parlato. Non posso dire che abbiamo sottovalutato l’impegno o che ci siamo sovra allenati. Facciamo tutto come abbiamo fatto finora e davvero non so come spiegarlo. Abbiamo perso in modo disastroso. La squadra non gioca così male da due anni, da quando sono arrivato”.

La sconfitta contro lo Spezia arriva in un brutto momento, proprio quando l’Inter ha vinto contro la Lazio…

“Speriamo di fare un bel derby domenica. Sono convinto che contro la Lazio avrebbero fallito se avessimo sconfitto lo Spezia. Hanno avuto una così grande opportunità di sorpassarci che non potevano perdere questa occasione. Ma ovviamente c’è molto da giocare ancora”.

Come ha fatto il Milan ad andare così bene nei primi mesi di stagione?

“A dire il vero, dall’inizio ci sono stati più o meno gli stessi giocatori. La spina dorsale di questa squadra risale all’anno scorso quando non ottenevamo buoni risultati. Nonostante ciò, era chiaro che la qualità ci fosse, e ora sta venendo fuori poiché siamo più squadra rispetto a prima. Sappiamo molto meglio cosa fare e ogni giocatore ottiene il massimo da sé stesso”.

Il Milan ha mostrato grande forma sin dalla ripresa del campionato dopo il lockdown. Come lo spieghi?

“Diciamo che abbiamo fatto un passo avanti con l’arrivo di giocatori esperti come Simon Kjaer e Zlatan Ibrahimovic. Fino ad allora avevamo una buona squadra, ma non avevamo leader come Simon o Zlatan. Ci hanno aiutato molto. Per quanto riguarda la nostra forma fisica, beh, c’è semplicemente un’energia positiva nel club. Non appena inizi a goderti quello che fai, è più facile affrontare le partite. Quando i risultati sono buoni tutto il resto diventa più facile. ”

Che dire dell’impatto di Ibrahimovic al Milan finora?

“È affascinante quanto sia professionale durante gli allenamenti. Ci capita che i nostri allenamenti a volte siano più forti e impegnativi rispetto alle partite contro alcune squadre. Quando è arrivato ha immediatamente aumentato la fiducia in sé stesso e degli altri giocatori che sono per lo più giovani.

Come ci si sente ad allenarsi con Ibrahimovic?

“Ho la sensazione che tutti noi a volte ci vergogniamo quando facciamo qualcosa accanto a lui. Non posso descriverlo ora. Di solito, questi giocatori alti non hanno la statura e il movimento di quelli più bassi. Sebbene abbia 39 anni, nessuno di noi può competere con lui in alcun esercizio, che si tratti di esercizi di forza, fitness o qualsiasi altra cosa. È un ragazzo affascinante che sfida la natura”.

Alcuni giocatori come Hakan Calhanoglu e Ante Rebic sono esplosi in termini di prestazioni da quando Ibrahimovic è arrivato al Milan. Pensieri?

“Questo vale per Franck Kessié così come per molti altri. Hanno sempre dimostrato di avere qualità, ma non sono riusciti a enfatizzarla così tanto. Il primo Chalhanoglu: forse aveva troppo carico di aspettative sulle spalle. Quando è arrivato Ibra, si è sentito sollevato e penso che sia questo il motivo. Hakan è un giocatore di qualità straordinaria che può giocare in qualsiasi club del mondo. In qualche modo ci siamo sistemati tutti bene in campo con Ibra e tutti sanno cosa stanno facendo. Ovviamente grande anche il merito dell’allenatore. Ora siamo arrivati ​​al punto di essere tra i favoriti per lo scudetto e ciò può essere fatto solo se si è una squadra unita”.

Queste battute vengono citate sempre più spesso a scapito dei Balcani a Milano, e si aggiunge l’etichetta Milan-IĆ per via di Ibra, Rebić, tu, e ora Mandzukić. Siete una “squadra” negli spogliatoi?

“Stiamo insieme quasi tutto il tempo. Ibra conosce la lingua. È sempre con noi, ha migliorato la lingua che ha quasi dimenticato. Ora Mario si è unito a noi, quindi ora siamo in quattro. Noi quattro siamo sempre insieme. ”

In qualche modo, il tecnico Stefano Pioli è rimasto all’ombra di Ibra, per il quale questa è la stagione della sua vita. Com’è come allenatore?

“Ti dirò onestamente che questo è il miglior allenatore che ho avuto nella mia carriera. Per i giocatori che non giocano e che non sono soddisfatti, la colpa è sempre di qualcun altro, di solito un allenatore. Non è il caso di Pioli. Comincio prima da me stesso. Una volta, quando non giocavo, la colpa era sempre del mio allenatore. In questo momento so che Pioli sta facendo del suo meglio e che non è colpa se non gioco. Vede letteralmente ciò che vediamo tutti noi giocatori. Ci sono casi in cui i giocatori vedono qualcosa e l’allenatore non lo vede. Non c’è niente che Pioli non veda e non sappia. Non ho incontrato nessuno di meglio”.

E il direttore Paolo Maldini? Quanto significa per lo spogliatoio sapere che il direttore è una vera leggenda del calcio?

“Non potrò mai ringraziarlo abbastanza per avermi dato questa opportunità al Milan. E che tipo di influenza ha Paolo Maldini sui giocatori, non te lo posso spiegare al telefono. Ecco un esempio di Theo Hernandez: aveva tante offerte, ma quando Maldini lo invitò non ha avuto dubbi e ha scelto i rossoneri perché era un suo idolo. La parola di Maldini ha un peso. È con noi ogni giorno ed è sempre lì per noi. Ci osserva in quasi ogni sessione di allenamento e partita. Inoltre, anche il direttore sportivo Ricky Massara è un grande uomo. Sempre più spesso è presente pure il direttore generale Ivan Gazidis. Il management è sempre lì per noi per qualunque cosa abbiamo bisogno. ”

Sulla profondità della squadra:

“È un grande cambiamento rispetto alla scorsa stagione. Adesso la nostra panchina è molto più forte e ha tanti giocatori di qualità. Ad esempio Jens Petter Hauge non è in Europa League, me è un grande giocatore. Abbiamo molti giocatori bravi e riconoscenti che possono giocare più ruoli. Tutti hanno avuto e avranno un ruolo importante durante la stagione. Questa è la nostra grande forza. Tutti si sentono importanti. Se il Boss mi dice di giocare il terzino, lo giocherò perché siamo tutti sullo stesso obiettivo”.

Come ti sei sentito quando il Milan ha pescato la Stella Rossa in Europa League?

“Ero solo felice. Quando abbiamo siamo stati accoppiati con la Stella Rossa ho fatto un salto di gioia. Ero così felice che non riuscivo a trattenermi. Per me ha un significato speciale che non posso descrivere “.

A differenza delle volte precedenti, ora giocherai contro la Stella Rossa da favorito. Tuttavia, tra i tifosi circola l’idea che il campionato sia più importante per il Milan rispetto all’Europa League…

“Ovviamente siamo i favoriti e questo non è in discussione. In generale, abbiamo giocato l’intera Europa League con una squadra combinata. E così abbiamo giocato alla grande tutte le partite, tranne quella contro il Lille a San Siro. Certo, il campionato è più importante per noi, ma faremo del nostro meglio per arrivare il più lontano possibile in Europa League. Abbiamo tanti buoni giocatori che possono ruotare. Dopotutto, ormai siamo abituati al ritmo di due partite a settimana. Siamo favoriti e dipende da noi, ma ho la sensazione che la partita di giovedì per i nostri avversari sia letteralmente tutto e che si stiano preparando per questo appuntamento da molto tempo. Almeno ho avuto quell’impressione”.

Nello spogliatoio sì parla più di Stella Rossa o Inter?

“Onestamente, di derby. Ovvio ragioniamo partita per partita come ha detto mister Pioli, ma si sa che il derby a Milano è tutto”.

Intervista a Calabria: aneddoti su Ibra, famiglia e PlayStation >>>

<!–

–> <!–

–>

Precedente Dalle ultime su Milan e Roma al caso Osimhen: ascolta le notizie del giorno Successivo Lazio ko a tavolino con Juve e Toro? Parla l'avvocato di Lotito

Lascia un commento