Klinsmann: “Io, Van Basten e i miei derby elettrici. E quella volta che al casello dell’autostrada…”

L’ex centravanti dell’Inter e il suo rapporto col derby: “È una partita che domina la città, ai miei tempi se San Siro avesse avuto 500mila posti sarebbero stati tutti pieni. E quando segni vorresti abbracciare il mondo. Chi mi somiglia? Lautaro”

Un’immersione nel passato. Per i tifosi, per i protagonisti. Il derby di Milano torna a essere una sfida da alta, altissima classifica. Come da speranza, come da ambizione, come da tradizione. Jürgen Klinsmann la stracittadina milanese l’ha vissuta intensamente fra il 1989 e il 1992, nelle tre stagioni passate all’Inter. “Feci venire tutta la mia famiglia allo stadio per far vivere ai miei parenti quell’esperienza incredibile e travolgente”, racconta alla Gazzetta.

Precedente Dalla “realtà romanzesca” a “Icardivino”: la storia del derby nelle pagine della Gazzetta Successivo Mihajlovic e la giovane tifosa non vedente: "Organizzo il viaggio, ci conosceremo"

Lascia un commento