Juventus-Spezia 1-1: bianconeri brillanti, ma spreconi (e distratti in difesa)

CESENA – La Juventus pareggia contro lo Spezia al termine dei primi 45‘. Dopo il gol di Alvaro Morata al 14′, ha pareggiato Pobega al 32′. La Juventus ha dominato la partita per buona parte della frazione, anche se la costruzione offensiva, più prolifica e brillante rispetto alle ultime uscite, non viene concretizzata per qualche errore di troppo nell’ultimo passaggio o nella conclusione.

Cristiano Ronaldo parte dalla panchina (entrerà nella ripresa) e Pirlo rinuncia a un trequartista (Kulusevski) per inserire una mezzala d’inserimento (McKennie), ne esce un sostanziale 4-4-2, nel quale ci sono sempre due larghi (Cuadrado e Chiesa) e, invece di avere due mediani, due trequartisti e una punta, ci sono 3 centrocampisti (Bentancur, Arthur e McKennie) e due punte: Morata e un finora spento Dybala.

Il gol di Morata arriva sul filo del fuorigioco, con un passaggio di McKennie che lo pesca appena dietro la linea della palla, il var questa volta è amico. Lo Spezia pareggia alla mezzora in una fase di gioco che vede la Juventus un po’ pigra in fase difensiva. Nel finale tante occasioni per i bianconeri che sprecano molto.

Precedente Udinese, Gotti: "Gara di sacrificio, ma prendiamo sempre gol" Successivo Reggina-SPAL 0-1, decide il gol di Castro. Rosso per Menez, Denis sbaglia un rigore

Lascia un commento