Juve, Zakaria o Witsel? Due obiettivi di mercato a confronto

Parallelo in cinque punti tra i due nomi caldi per il centrocampo bianconero: il nome nuovo che viene dalla Svizzera o lo storico pallino di Allegri?

Potrebbe esserci una volata a due, a gennaio, sul rush finale del mercato di riparazione della Juventus. Che prima di operare in entrata a centrocampo dovrà assolutamente cedere. Così, se Ramsey appare oggi il nome più accreditato per salutare durante la finestra dei trasferimenti invernali, il possibile rinforzo per Massimiliano Allegri potrebbe giungere da una lista ristretta ai nomi di Witsel e Zakaria: non ancora i soli al vaglio della dirigenza bianconera ma i più probabili per le condizioni prospettate. Profili abbastanza simili ma qualche differenza sostanziale potrebbe rivelarsi decisiva nella scelta finale.

ETÀ

—  

Witsel è un classe 1989 e a gennaio sarà trentatreenne. Zakaria è un 1996, tra qualche giorno compirà il suo venticinquesimo anno di età: meno otto. La differenza è palese: il primo potrebbe essere alla sua ultima vera avventura di alto livello, il secondo è nel pieno della maturità calcistica. Semaforo verde: Zakaria per età è più in linea alla nuova filosofia di mercato della Juve. Semaforo giallo: il preferito di Allegri sembra rimanere comunque Witsel, per le sue caratteristiche.

ESPERIENZA

—  

Il percorso di Witsel è più internazionale ma caratterizzato da scelte di opportunità, più che di prestigio. Specie quando dopo le ottime stagioni con Benfica e Zenit si è fatto travolgere dall’invitante offerta economica cinese del Tianjin Quanjian. Dal 2018 è tornato nel calcio europeo, nel Borussia Dortmund. Dopo le esperienze in casa con Servette e Young Boys, anche Zakaria si propone ormai da diverse stagioni in Bundesliga, con la maglia del Borussia M’gladbach.

COSTI

—  

Entrambi vanno in scadenza di contratto al prossimo 30 giugno 2022. Witsel la scorsa estate veniva valutato intorno ai 10 milioni, a gennaio potrebbe valerne non più di 2-3. Anche per Zakaria la richiesta non può essere esagerata, dal momento che a gennaio potrebbe firmare a zero per la stagione successiva: e qui fa più impressione perché nell’estate 2020 i tedeschi avevano alzato il muro avanzando addirittura offerte superiori ai quaranta milioni.

CARATTERISTICHE

—  

Li accomuna il paragone a un ex centrocampista della Juventus: Patrick Vieira. Witsel può ricoprire il ruolo di mediano così come quello di mezzala, all’occorrenza può arrestare in difesa: fisicità e buona gestione della palla. Zakaria ha qualche centimetro in più (191 contro i 186 del belga) ma un po’ di tecnica meno. In compenso recupera molti più palloni e fa del dinamismo una delle sue armi migliori: un vero e proprio corazziere davanti alla difesa.

DISPONIBILITÀ

—  

Witsel ha sfiorato la Juve nel 2017, trascorrendo addirittura l’ultimo giorno del mercato estivo all’interno dell’ex sede bianconera di Corso Galileo Ferraris. Sul secondo treno in direzione Torino salirebbe al volo, così da ridare vita a quel sogno accarezzato per un po’ di tempo. Mentre Zakaria sarebbe più lusingato dalle avances del Barcellona, pur senza chiudere la porta alle altre. Ancora di più di fronte alla Juve che parrebbe intenzionata a fare sul serio per lui.

Precedente Milan, il piano per gennaio: sprint per Sanches, anticipare Adli Successivo Atalanta, Gasperini sorride: Gosens vicino al rientro

Lascia un commento