Juve, violenza sui social: l’incredibile dato sui post razzisti e d’odio

Razzismo, la nota della Juve

In attesa che la Giustizia sportiva faccia chiarezza sull’accaduto, calciatori e club in questi giorni stanno ribadendo la loro determinazione nel contrastare il fenomeno. Tra questi la Juventus, che in una nota ricorda come “a partire dalla stagione 2014-2015, l’Allianz Stadium è stato dotato di un sistema di 86 telecamere multifocali Panomera che consentono di individuare i soggetti che si rendono responsabili di comportamenti non in linea con il regolamento d’uso dell’impianto: in questa stagione sportiva non sono stati sanzionati episodi di stampo razzista, a riprova dell’effetto deterrente della tecnologia installata”.

Post razzisti e d’odio: i dati incredibili

Il club bianconero ribadisce anche la sua policy sui social, condividendo dati incredibili che confermano come il problema non sia da sottovalutare: “Nel gennaio 2024 la società ha deciso di adottare uno strumento che consente di moderare automaticamente i commenti ai nostri post contenenti parole d’odio, riuscendo a preservare la libertà di parola – fa notare la Juventus – in media ogni settimana vengono pubblicati 1.500 contenuti all’interno dell’intero ecosistema digitale, e da gennaio sono stati immediatamente rimossi 30.000 messaggi d’odio, tra i quali circa 400 razzisti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente La Fiorentina torna ad allenarsi: al Viola Park c'è anche Commisso Successivo World Down Syndrome Day: a Trigoria i ragazzi della "Locanda dei Girasoli"

Lascia un commento