Juve, un errore vendere Dybala. Siete d’accordo? Vi risponde G.B. Olivero

È stato il miglior giocatore dello scorso campionato, senza di lui questa stagione non è andata come i bianconeri speravano. Dopo Ronaldo è il più forte giocatore in organico. Ma se ce l’hai devi crederci

Nuova puntata di “zona mista bianconera”, un appuntamento dedicato ai tifosi della Juve. Un modo per confrontarsi sui temi di attualità della squadra, per commentare i risultati e le strategie societarie. Ogni volta potrete commentare l’articolo e offrire nuovi spunti di riflessione. G.B. Olivero, giornalista della Gazzetta e curatore di questa rubrica, interverrà nel dibattito.

Breve riassunto del campionato di Paulo Dybala: 11 presenze complessive, 3 partite giocate per intero, 2 gol. Le difficoltà della Juve non si spiegano solo così, ma Dybala è stato il miglior giocatore del campionato 2019-20 e la sua assenza ha inciso negativamente sui risultati bianconeri. Il futuro dell’argentino è nebuloso, come accaduto negli anni scorsi pare che la società voglia metterlo sul mercato o quantomeno non farebbe le barricate in caso di una buona offerta. Giusto o sbagliato? Dipende dalla considerazione che si ha del giocatore.

Io credo che Dybala sia un campione, con qualità tecniche eccelse, senso del gol e la capacità di incidere nelle partite che decidono i campionati. E’ il più forte giocatore della Juve (Ronaldo a parte, ovviamente) e non avrebbe senso privarsene soprattutto in un momento di scarsa disponibilità economica: se per fare una plusvalenza devi vendere il più bravo, c’è qualcosa non va. Chi spinge per una cessione di Dybala ha due solidi argomenti a cui attaccarsi: una caratura internazionale ancora non definita e, soprattutto, il ruolo.

Il ruolo

—  

Dybala è una seconda punta che ama svariare e gioca quasi da trequartista. In un tridente classico si trova a disagio, con un attaccante come Ronaldo ha un’intesa tecnica ma non tattica, ha bisogno di una squadra che si adatti alle sue caratteristiche. Insomma, in Dybala devi credere. Oppure puoi anche pensare di venderlo. Magari senza dimenticare questi dati: nelle quattro sconfitte in campionato, Paulo non era mai in campo; il bilancio delle otto presenze da titolare dell’argentino è di sei vittorie e due pareggi.

Precedente Dalle ultime su Lituania-Italia a Demiral positivo al Covid-19. Ascolta le news Successivo TMW RADIO - Legrottaglie: "Consigliai Barella alla Juve nel 2017, finirà la carriera all'Inter"

Lascia un commento