Juve, tutte le alternative a Pirlo: la lista dei nomi

[…] E se tutto dovesse precipitare? Nell’immediato, il rimedio potrebbe essere Tudor, ma non è costume della casa esonerare gli allenatori in corsa. Logico allora fare un giro d’orizzonte sulle possibili strade (più o meno) percorribili nel caso si presentasse la necessità di una svolta e di un nuovo cambio di allenatore a fine stagione. Il ragionamento non può derogare, naturalmente, dall’aspetto economico e dai margini di manovra del club, costretto a fronteggiare l’impatto forte della pandemia sui conti (-113,7 milioni nel primo semestre dell’esercizio). La risposta porterebbe diritto a Simone Inzaghi, già tra gli obiettivi juventini per il post Allegri prima della scelta di Sarri. Il rinnovo con la Lazio non decolla e il tecnico sarebbe la soluzione italiana e abbastanza low cost (2,5 milioni all’anno, magari a salire con gli obiettivi) per ripartire, considerando anche il feeling con Paratici.

La Juve dà l'addio allo scudetto

Guarda il video

La Juve dà l’addio allo scudetto

Ipotesi Spalletti

La prima alternativa potrebbe essere il rientro in pista di Luciano Spalletti, fino al 30 giugno a libro paga dell’Inter (5 milioni all’anno il suo stipendio). Gli altri petali della margherita implicano necessariamente investimenti più corposi. Sui social sta crescendo il partito del ritorno di Max Allegri, favorito anche dal fresco ritorno in tv del tecnico domenica sera. L’allenatore dei cinque scudetti consecutivi non ha escluso a priori la possibilità e potrebbe essere la soluzione ideale per ricostruire ma bisognerebbe verifi care la fattibilità di un’operazione del genere. Graditissimo ai tifosi sarebbe anche Zinedine Zidane: è un pallino del presidente Agnelli, nel recente passato è già stato accostato alla Juve e potrebbe essere la carta per trattenere Ronaldo. Controindicazioni: il suo legame con il Real Madrid e lo stipendio (12 milioni all’anno più bonus). Ultimo, ma non certo per importanza, Roberto Mancini: il ct azzurro, già sondato per il dopo-Sarri, è concentrato su Europei e Mondiali ma il rinnovo con la Nazionale ancora non arriva. Se ci fosse uno spiraglio.

Tutti gli approfondimenti sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Juve, crolla la quota dell'esonero di Pirlo

Guarda il video

Juve, crolla la quota dell’esonero di Pirlo

Precedente Reja: "L'Albania riparte con entusiasmo. Il modello che piace è sempre l'Italia" Successivo Juve, sarà rifondazione: chi rimane e chi parte

Lascia un commento