Juve, senti Galeone: “Chiesa deve segnare! Lukaku? No, Vlahovic. Peccato per Berardi…”

L’ex tecnico: “Allegri crede in Pogba e Yildiz, però ha il rimpianto di Milinkovic Savic”

“Non ho sentito Max dopo il Bologna, ma conoscendolo bene immagino fosse arrabbiato per la partita e per i troppi passaggi a tre metri di distanza tra i centrocampisti. La Juve è forte se attacca in verticale innescando Chiesa, Vlahovic, Weah e Cambiaso come nel primo tempo di Udine, non se si passa la palla in orizzontale”, assicura Giovanni Galeone, ex allenatore, maestro e grande amico di Massimiliano Allegri. 

Precedente Chiesa, Allegri vuole di più: col cambio di ruolo il tecnico si aspetta 14-15 gol Successivo Psg, Luis Enrique allontana Verratti: "Con me non giocherai mai"