Juve, quanti recuperi verso la finale. Allegri con due dubbi: sinistra e centrocampo

A 48 ore dalla sfida all’Inter che vale la coppa Italia, il tecnico si gode i rientri di Pellegrini, che può insidiare il posto sulla fascia di Alex Sandro, e di Locatelli, anche se l’allenatore culla l’idea di una mediana a due solo con Rabiot e Zakaria

La buona di notizia per Allegri all’antivigilia della finale di Coppa Italia tra Juve e Inter è il rientro di alcuni giocatori che possono cambiare le sorti del match. Mai come questa volta saranno utili i cambi, ecco perché il tecnico livornese ha dato poche certezze nelle ultime sedute d’allenamento sui nodi da sciogliere ma sorride di fronte ai rientri che ampliano le possibilità di scelta. Alcuni ballottaggi resteranno aperti fino all’ultimo: e uno di questi riguarda la corsia mancina, perché Pellegrini sta bene e può strappare la maglia da titolare ad Alex Sandro.

VERSO L’INTER

—  

L’altro grande dubbio riguarda il centrocampo: qui ci sarebbero addirittura tre iscritti all’elenco dei candidati per dettare i tempi alla squadra dalla cabina di regia, ovvero Arthur, Miretti e Locatelli. Quest’ultimo ha recuperato dalle noie muscolari e vuole prendere parte al match, ma non è così scontato che Allegri scelga di puntare su una mediana a tre: Rabiot e Zakaria potrebbero anche sostenere da soli il reparto e liberare uno slot in più in avanti. Sarà un match da giocare con grande attenzione sulle corsie, Bernardeschi al momento sembra il maggiore candidato a partire dall’inizio per fare la staffetta con Cuadrado, ma potrebbero esserci entrambi con un centrocampista in meno. A sostegno di Vlahovic, invece, dovrebbe cominciare solo un gregario a supporto, o Dybala o Morata, sempre che non si opti per aggredire l’Inter sin da subito col super tridente. Meno dubbi sulle scelte in difesa: a protezione di Perin dovrebbero esserci Danilo (totalmente recupero), De Ligt e Chiellini. Col capitano all’ultimo ballo per tentare di vincere ancora un trofeo con la maglia della Signora.

Precedente Roma, Abraham macina record e gol: ora punta a diventare il miglior goleador inglese in A Successivo Dai guanti di Ali alla pallina di Ruth: tutti pazzi per i memorabilia

Lascia un commento