Juve, progetto 2022: Icardi e Vlahovic sempre nel mirino

Il club ha confermato la strategia dell’estate: spese contenute e giovani per il rilancio

La Juventus è rimasta fedele al suo piano e non si è fatta condizionare dalla sconfitta con l’Empoli: non ha chiamato Pjanic e non ha investito su un playmaker o su un numero 9. Se sia una decisione buona o cattiva, lo dirà il campionato. La questione interessante però è inserire le scelte di questa estate 2021 nel percorso di crescita della Juve.

Nuova era

—  

Nell’era Cristiano Ronaldo, dal 2018 al 2020, il club sul mercato era intervenuto con decisione. Aveva speso tanto per trasferimenti e ingaggi e, per far quadrare i conti, aveva elaborato complesse operazioni per garantirsi plusvalenze. Il passivo generato da quegli anni di spese, dagli ingaggi XL e dalle contrazioni alle entrate causa Covid hanno portato la Juve a un cambio di strategia. La Juve ha preso Locatelli, Moise Kean, Kaio Jorge e Mohamed Ihattaren, poi mandato in prestito alla Sampdoria. Rispettivamente un ’98, un 2000 e due 2002, che completano il ritratto dell’estate juventina: calciatori giovani per un’operazione di rilancio a medio termine. Il no a Miralem Pjanic, un giocatore di 31 anni con un ingaggio pesante, va chiaramente in quella direzione.

Icardi e Vlahovic

—  

Icardi in questo contesto non è un nome casuale. I discorsi su Maurito e la Juve sono un eterno ritorno: a ogni mercato, si ripresentano. Il 2022 probabilmente non farà eccezione. Icardi e la Juve in queste settimane hanno ragionato anche sul prossimo anno. Mauro a gennaio saprà quanto spazio avrà nell’attacco irreale con Mbappé, Messi e Neymar… e non è escluso che la Juve possa strappare un prestito alle condizioni gradite. La Juve tra un anno dovrà decidere se acquistare Morata per 35 milioni ed è possibile che quei milioni vengano dirottati su un altro numero 9. Dusan Vlahovic è ovviamente un candidato. La Juve si tiene costantemente informata sulla sua situazione, come tutti i grandi club, e la scadenza del contratto del serbo – giugno 2023 – significa solo una cosa: battaglia, battaglia internazionale.

Precedente Cristiano Ronaldo, ancora dubbi sul numero di maglia: CR7 o CR21? Successivo Calciomercato, non è finita: ecco i paesi in cui la sessione è ancora aperta

Lascia un commento