Juve, operazione difesa 2024: caccia al centrale a zero, attesa per Djaló del Lilla. Si raffredda Hermoso

I bianconeri sono al lavoro per rinnovare la retroguardia: con Alex Sandro ai saluti, in prima fila c’è il portoghese ora in Ligue 1

Contatti, incontri, sondaggi. La priorità della Juventus per gennaio è il centrocampo e non potrebbe essere diversamente con Paul Pogba sospeso per doping e Nicolò Fagioli alle prese con il caso delle scommesse illegali. Ma alla Continassa si guardano intorno anche a caccia di un fantasista/ala (Berardi, Sudakov o Bernardeschi) e per l’estate 2024 le antenne sono puntate sulle possibili opportunità che possono spuntare in difesa. Alex Sandro, attualmente ai box per infortunio, è in scadenza di contratto e a fine stagione saluterà a parametro zero. Il brasiliano, a Torino dall’estate 2015, potrebbe ripartire dall’Arabia Saudita. Così alla Continassa sono stuzzicati dall’idea di sostituire Alex Sandro con una occasione. Meglio se in saldo o proprio gratis. Come Tiago Djalò e Mario Hermoso. Salvo ripensamenti, il 23enne difensore del Lilla e il 28enne marcatore dell’Atletico Madrid a luglio cambieranno aria da svincolati. La coppia mercato Giuntoli-Manna è segnalata sempre vigile sul primo, mentre sul secondo si registra maggiore freddezza rispetto ai mesi scorsi.

gioco d’anticipo

—  

La sensazione, ora come ora, è che la Juventus voglia aspettare Djalò, alle prese con la parte finale della riabilitazione post intervento ai legamenti del ginocchio. Il portoghese, in passato protagonista nella Primavera del Milan e approdato al Lilla nel 2019 nell’operazione Leao, è fermo da marzo. Dopo sette mesi trascorsi in infermeria, il rientro si avvicina. Ad attenderlo in campo, oltre al Lilla, c’è anche la Juventus. I bianconeri tra la fine dell’anno solare e l’inizio del 2024 verificheranno le condizioni fisiche di Djalò con l’obiettivo di ingaggiare poi il giocatore a parametro zero in vista dell’estate. Pensarci, non significa sempre riuscirci nel mercato. Quello che pare sicuro è che i bianconeri, salvo ritardi o contrattempi fisici da parte del portoghese, un tentativo sembrano intenzionati ad effettuarlo. Gli aspetti tecnici si intrecciano a quelli economici. Djalò a zero, anche se reduce da infortunio, potrebbe rivelarsi un ottimo investimento soprattutto in ottica futura. L’ex Sporting e Milan ha soltanto 23 anni e al Lilla, prima del k.o. al ginocchio, è esploso in tutta la sua forza. Tanto da attirare su di sé l’interesse delle big di Premier. Se Djalò in questo momento fosse in scadenza e al top della forma, probabilmente la Juventus non potrebbe nemmeno pensare di contenderlo ai ricchi club inglesi. La situazione attuale, invece, consente al d.t. Giuntoli e al d.s. Manna di provare a giocare d’anticipo a costo di correre qualche rischio.

Precedente D'Alessio e l'esordio speciale con la Roma: il tatuaggio esalta i tifosi Successivo Juve in crescita rispetto a un anno fa: i numeri che lo testimoniano