“Juve-Napoli, De Laurentiis ha ragione per 4 motivi”

ROMA – “Tesi difensiva del Napoli? Sostanzialmente sono quattro, a mio avviso appaiono idonee a scardinare la decisione del Giudice Sportivo: il Napoli non ha deciso in autonomia di non viaggiare per Torino, ci sono state quattro pronunce delle ASL Napoli 1 e Napoli 2, in più il sabato sera alle 18.25 dal capo di gabinetto della Regione Campania espressamente sanciva come la quarantena dovesse intendersi al domicilio dei calciatori senza alcuna deroga” ha dichiarato l’avvocato del Napoli, Mattia Grassani, a CalcioNapoli24 TV.

Napoli, De Laurentiis fa l’avvocato

Napoli, le parole di Grassani

Il legale del club azzurro ha spiegato: “Il secondo aspetto: solo alle 14.13 il Napoli aveva chiaro il quadro che non gli permetteva di partire? No, era già chiaro dal sabato sera: nella lettera si ribadivano le prescrizioni già definite il sabato pomeriggio dalle ASL, il Napoli alle 14.13 non ha saputo per la prima volta di non poter viaggiare. Il terzo aspetto che non accettiamo: se fosse arrivato l’ok alla partenza alle 14.13, il Napoli non sarebbe stato in grado di organizzare una trasferta a Torino per la partita alle 20.45. Ci sono le dichiarazioni dell’Alitalia, in tre ore il charter sarebbe stato pronto alle 17.30: il volo sarebbe durato 1 ora e 15 minuti, alle 18.45 saremmo arrivati e ci sono 18 chilometri dall’aeroporto allo Stadium. Saremmo arrivati alle 19.15, si sarebbero potuti chiedere 45 minuti di tempo d’atteso all’arbitro. Si sarebbe potuti scendere in campo alle 21.29, direttamente”.

Grassani: “Causa di forza maggiore”

Grassani ha poi aggiunto: “Quarto elemento: la causa di forza maggiore. Il comportamento del Napoli, in maniera illogica e contraddittoria, non documentata dal Giudice Sportivo. Aver annullato alle 18.45-19 lo slot che avrebbe dovuto portarli a Capodichino aveva dimostrato che il Napoli si fosse chiamato fuori e non avesse avuto più intenzione di affrontare la trasferta. Già c’erano dei provvedimenti del sabato, non solo quelli della domenica alle 14.13. Abbiamo discusso per un’ora e mezza abbondante con la Corte Sportiva d’Appello, il caso Juventus-Napoli è un caso pilota: dal 4 ottobre ad oggi tanta acqua è passata sotto i ponti, la scelta del Napoli non era arbitraria o unilaterale, bensì necessitata. E seguita poi da tante ASL in questo mese: ci sono 24 incontri spostati senza infliggere lo 0-3 a tavolino“.

Napoli, rinnovo Gattuso entro fine anno

Il legale del Napoli: “C’è fiducia”

C’è fiducia: Juventus-Napoli è stato l’unico match deciso in questa maniera, ed è l’unico che ha prodotto cinque provvedimenti dell’autorità sanitaria e regionale tra sabato sera e domenica pomeriggio che impedivano al Napoli di partire. Il club per due volte ha chiesto il rinvio perchè impossibilitato a partire, solo alle 19.43 della domenica la Lega ha detto no. Peccato perchè tutte le altre leghe con i 24 match, di cui 5 sovrapponibili a quello del Napoli, abbiano stabilito la riprogrammazione della partita senza la sanzione dello 0-3. La Corte Sportiva d’Appello ha spiegato che vista la delicatezza dei temi trattati, non sarebbe uscita con il solo dispositivo in giornata, bensì dispositivo e motivazioni assieme. Ci auguriamo che le argomentazioni portate dal sottoscritto e l’introduzione che ha colpito al cuore i giudici dal presidente De Laurentiis possano portare ad una decisione che, come ha detto il presidente, tenga conto non della politica bensì solo delle regole e del diritto sportivo. È una pagina brutta di sport che speriamo possa essere raddrizzata, il presidente ha detto che le partite si giocano sul campo e non si vincono a tavolino. Sensazioni? Comunque andrà, il Napoli anche se dovesse aver ragione sarebbe stato vittima di un comportamento ad personam rispetto ad altre società. Qualora la decisione dovesse essere confermata, il Napoli non mollerà e andrà sicuramente al CONI ed eventualmente al TAR: questo pronunciamento è assolutamente in controtendenza con una casistica blindata, ed è supportata da provvedimenti che in nome della salute a cui tutti abbiamo diritto, a partire da tutti quelli che i giocatori del Napoli avrebbero incontrato“. 

Grassani su De Laurentiis

L’avvocato Grassani ha parlato anche di possibile risarcimento per il Napoli: “Una partita di calcio non si può disputare oltre quelle che sono le leggi dello stato. Danno subito dal Napoli e risarcimento? Prematuro parlarne ora, ma è nella disponibilità del presidente De Laurentiis. Per ora c’è una classifica con un asterisco, dal punto di vista della competitività c’è un match sub-judice che rappresenta un attentato alla credibilità del campionato. Salvo rinvii concessi e motivati, il campionato dovrebbe vedere tutte le squadre con lo stesso numero di partite giocate sul campo”. Infine, su De Laurentiis: “Futuro da avvocato? Il presidente è il primo difensore al fianco del Napoli, in tutto questo tempo è stato in contatto con me e conosce il dossier ed il procedimento in ogni sua riga delle centinaia di pagine di cui si compone: è un onore averlo al fianco quando si sa di combattere una battaglia che porta avanti la verità dei giusti”.

De Laurentiis fa l’avvocato: cosa ha detto a difesa del Napoli

Precedente Balotelli suda e fatica in Serie D. Il mister Zattarin: "Vuole tornare in Nazionale" Successivo Serie B, Giudice sportivo: 1 turno a Paolucci e Ingrosso

Lascia un commento