Juve, in coppa c’è un finale da scrivere: Chiellini alla notte dell’ultimo ballo

Il capitano vuole chiudere in bianconero col ventesimo trofeo nella massima serie, dieci anni dopo quel primo trofeo nel 2012, in attesa di annunciare il suo prossimo capitolo

Giorgio Chiellini vuole mettere le mani sul suo ultimo trofeo con la maglia della Juventus, prima di giungere ai saluti dopo diciassette anni di militanza in bianconero. Per il capitano della Vecchia Signora l’ultima opportunità, al termine di una stagione complicata e che rischia di non regalare soddisfazioni dopo dieci anni di successi. La gara è la più classifica delle classifiche: contro l’Inter, acerrima nemica di numerose sfide mai banali.

ULTIMA FERMATA

—  

Sarebbe il ventesimo titolo juventino in massima serie, senza contare la Serie B vinta nella stagione 2006/2007. Il numero tre della Juve ha vinto nove scudetti, cinque Supercoppe e altrettante coppe Italia, che potrebbero appunto diventare sei grazie all’ultimo appuntamento in programma. Dal quel primo scudetto festeggiato nel 2012, a oggi, ci sono in mezzo dieci anni di storia che lo hanno visto diventare uno dei più vincenti di sempre nel calcio italiano. Le ultime settimane da calciatore bianconero, insomma, vengono caratterizzate da grandi motivazioni, quelle che inevitabilmente verranno fuori già dall’inizio del match della capitale: Giorgio sarà titolare, guiderà i suoi compagni di club come l’estate scorsa a Wembley ha fatto con gli azzurri, con la stessa determinazione, con lo stesso modo di fare che lo ha portato a diventare uno dei migliori del ruolo di tutti i tempi. Poi giungerà il momento di comunicare la propria scelta per il futuro, prima del previsto a causa della mancata qualificazione dell’Italia al prossimo Mondiale in Qatar. E che la sua nuova strada sarà subito da dirigente, o se prima – probabile – ci sarà ancora un inciso in campo meglio States, sarà lui a dirlo: non prima di aver tentato l’ultimo successo italiano.

I PRECEDENTI

—  

Anche perché, tra le curiosità che aggiungono sapore al prossimo match con l’Inter, ce n’è uno che lo lega al suo allenatore: Chiellini, che da capitano della Signora ha alzato quattro trofei (due scudetti, una Supercoppa e una Coppa Italia), non ha mai vinto la Coppa Italia con Allegri in panchina. Nell’ultima finale di coppa nazionale vinta dal tecnico livornese, il 9 maggio 2018 all’Olimpico, la Juve s’impose tra l’altro per 4-0 sul Milan di Bonucci capitano. Quel trofeo Buffon lo lasciò sollevare a tre senatori, Marchisio, Lichtsteiner e Barzagli, tutti e protagonisti del ciclo vincente bianconero fino a quel momento; poi l’estremo difensore lascerà in eredità la fascia a Chiellini, che festeggerà l’ultimo scudetto con Max nella stagione 2018-2019, a seguire il tricolore con Sarri (l’ultimo dei nove di fila) e dunque gli ultimi due trofei (Supercoppa e Coppa Italia) conquistati l’anno scorso con Pirlo. C’è da chiedersi poi a chi lascerà lui la fascia di capitano – e la candidatura di Bonucci torna ad essere forte su tutte le altre – ma anche su questo tema molto presto sarà fatta la chiarezza necessaria.

Precedente Dai guanti di Ali alla pallina di Ruth: tutti pazzi per i memorabilia Successivo La Roma vola in Europa, Spugna: “Risultato incredibile, ora testa al derby”

Lascia un commento