Juve, il piano B è Gabriel Jesus. Ma con Cristiano al Psg avanza l’ipotesi Icardi

La dirigenza della Signora al lavoro se Ronaldo decidesse di partire: l’argentino è una possibilità solo in caso di scambio. Sondato il brasiliano, il City ha aperto alla formula gradita dai bianconeri

Cristiano Ronaldo sì, Cristiano Ronaldo no. Il mercato della Juventus gira tutto intorno alla sua stella: in attesa di conoscere la decisione del numero 7, i bianconeri hanno già in testa un piano B. O forse sarebbe meglio dire un piano J, perché è Gabriel Jesus l’attaccante che Massimiliano Allegri vorrebbe portare a Torino per colmare il vuoto (soprattutto di gol) che lascerebbe il penta Pallone d’Oro.

La Juventus fino a questo momento non ha avuto alcun segnale di “insofferenza” da parte del portoghese e di conseguenza ragiona in termini di permanenza fino alla scadenza del contratto di CR7 (giugno 2022). Però la dirigenza è consapevole che niente è scontato, soprattutto quando si tratta di Cristiano, e quindi ha messo in conto la possibilità che possa voler traslocare in anticipo. Per questo si sta comunque cautelando sondando le opportunità, perché l’addio di CR7 renderebbe necessario l’acquisto di un centravanti di peso. Federico Cherubini si è già portato avanti con il rinnovo del prestito di Alvaro Morata con l’Atletico Madrid per un’altra stagione. E’ stata la prima operazione in attacco, fortemente voluta dal tecnico che ha lanciato lo spagnolo nella sua prima esperienza in bianconero. Il secondo atto sarà riprendere la trattativa per il rinnovo del contratto di Paulo Dybala (in scadenza nel 2022), che Allegri considera centrale nel progetto sia con sia senza Ronaldo. Nel frattempo è già partita la caccia al centravanti che potrebbe prendere il suo posto.

Impossibile trovare un altro Ronaldo, l’uomo da 101 reti in 133 partite con la Juventus (36 nella stagione appena conclusa), però la Juventus vuole un centravanti da doppia cifra. La prima scelta di Max è Gabriel Jesus, giovane, duttile e in grado di integrarsi bene con le altre punte bianconere. Il brasiliano sarebbe un ottimo investimento anche in prospettiva futura: aggiungendolo a Dybala, Morata, Chiesa e Kulusevski , Madama avrebbe un attacco con un’età media sotto i 25 anni.

Jesus, che attualmente è impegnato in Coppa America con il Brasile, non rientra nei piani di Guardiola, che lo sacrificherebbe senza problemi pur di arrivare a Harry Kane. Il brasiliano ha dato la sua disponibilità a trasferirsi alla Juventus, dove arriverebbe con l’ambizione di rilanciarsi dopo una stagione deludente.

Il rischio è che possa essere inserito come contropartita nell’operazione Kane con il Tottenham. La Juve resta vigile ed è pronta ad affondare il colpo, soprattutto se verrà confermata l’apertura al prestito da parte del club inglese. Gabriel, 82 reti con la maglia del City, può fare sia la punta centrale sia l’esterno, è tecnico e bravissimo a muoversi negli spazi stretti. Può giocare con Dybala e Ronaldo ma s’integrerebbe molto bene anche con Ronaldo. Difficile però che possa arrivare anche in caso di permanenza di CR7, non solo per una questione di costi ma anche di spazi.

Se invece Cristiano dovesse scegliere di andare a Parigi, Icardi diventerebbe la soluzione naturale per la Juventus. L’argentino, 28 anni, è già stato nel mirino della Juventus, Allegri lo considera un buon rinforzo e l’ex interista non ha mai nascosto la sua simpatia per i bianconeri. L’altro nome che piace ai bianconeri è Dusan Vlahovic, 21enne serbo della Fiorentina: sarebbe un’operazione da 60 milioni, ma è difficile che il club viola lo lasci partire. Prima però la Juventus ha bisogno di fare chiarezza sul futuro di Cristiano Ronaldo: se resterà, al massimo potrà arrivare una quarta punta giovane e poco costosa. Oppure Allegri potrebbe puntare tutto sui giocatori che ha. Che non sono poi così male.

Precedente Larissa Iapichino, addio Olimpiadi/ Infortunio per l'azzurra, niente Tokyo Successivo Romagnoli può restare in rossonero anche senza rinnovo

Lascia un commento