Juve, Buffon: “Inter? La sorpresa era quando non vinceva”

TORINO – Al termine della partita vinta 3-0 con il Crotone, Gigi Buffon è soddisfatto per il ritorno al successo dopo le sconfitte con Napoli e Porto: “Serviva una vittoria sicuramente, poi il modo e la maniera non sono preventivabili. Secondo me la prima mezz’ora siamo andati benino, incontrando delle difficoltà. L’importante è mantenere sempre un agonismo, un’attenzione e un’energia nel corso dei novanta minuti, senza fare dei passaggi a vuoto”. Con questa presenza Buffon è arrivato a quota 654 in campionato, diventando il primatista nei 5 top campionati europei: “La cosa più importante è che non ci arrivo strisciando, ma saltando. Quella è la più grande soddisfazione e il più grande orgoglio. È il modo in cui ci arrivi alle cose che fa le differenza“.

Juve, è tornato Air Ronaldo: che doppietta di testa!

Guarda la gallery

Juve, è tornato Air Ronaldo: che doppietta di testa!

Buffon punta l’Inter

Buffon si lascia andare anche a una battuta sul futuro: “Guardiamo, io misuro l’ampiezza e l’altezza dei miei salti ogni settimana. Finché il salto è buono si va avanti. Appena vedo che perdo qualche centimetro sarò il primo a fermarmi, senza dubbio“. Infine il portiere bianconero parla dell’Inter come squadra da prendere come riferimento per la rincorsa Scudetto:Non è una sorpresa assolutamente. La sorpresa stava nel fatto che ancora non riusciva a dimostrare quello che secondo me vale. Il valore della squadra, dell’allenatore e dello staff. Un valore pari al nostro almeno, per me non è una sorpresa“.

Pirlo: "Non credo che l'Inter abbia più qualità"

Guarda il video

Pirlo: “Non credo che l’Inter abbia più qualità”

Precedente Le partite di oggi: il programma di martedì 23 febbraio Successivo Sacchi: "L'Inter ha fatto il salto, ora domini di più. Il Milan paga anche le sue furbizie. Ibra a Sanremo? Ci ripensi"

Lascia un commento