Juve, 10° anniversario dello Stadium: “Luogo del cuore”

TORINO – Sono passati 10 anni dalla ‘nascita’ dello Juventus Stadium oggi rinominato Allianz Stadium. Per l’importante traguardo la Juventus ha voluto dedicare un lungo articolo alla sua casa. In questi giorni il club bianconero ha chiesto ai tifosi, vista la ricorrenza, i loro momenti più belli di questi 10 anni allo Stadium e oggi ha pubblicato una lettera sul proprio sito: “Casa. Il posto dove sei sicuro, il luogo del cuore. “Casa” è un termine che identifica lo spazio in cui si vive, legandosi indissolubilmente con i concetti di appartenenza e identità. Ecco perché, quella sera dell’8 settembre 2011, il popolo bianconero reagì con un’ovazione alle parole del Presidente, pochi attimi prima che tagliasse il nastro, appunto, della nostra nuova casa“.

“Un luogo quasi inespugnabile”

Senza dubbio lo Stadium si è ritagliato un ruolo importante nei successi bianconeri: “Dal 2011, la Juventus ha il suo posto. Le sue mura, i suoi spalti, e non stiamo parlando di proprietà privata. Stiamo parlando di un luogo che, partita dopo partita e vittoria dopo vittoria è diventato, se non inespugnabile, quasi.

“Notti indimenticabili”

Infine, sono stati ricordati i successi della Juve da quando è stato inaugurato lo Stadium: “Che dalla sua inaugurazione ha visto i bianconeri alzare per nove volte la Coppa dello Scudetto e costruire il cammino che li ha portati a vincere cinque Coppe Italia, quattro Supercoppe. Che ha fatto vivere, a calciatori e tifosi, notti europee indimenticabili. Un passato che sembra durato secoli, ma invece è arrivato proprio adesso alla lunghezza di un decennio.”

Napoli-Juve, Osimhen ci sarà: accolto ricorso del club azzurro

Guarda il video

Napoli-Juve, Osimhen ci sarà: accolto ricorso del club azzurro

Tuttosport League, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis!

Precedente Wanda, l’allenamento è clamoroso! E i social restano senza fiato Successivo Mille Mourinho: carisma, polemiche e trionfi. La scalata "special" del nuovo re di Roma

Lascia un commento