Juric alza l’asticella: “Nuovi obiettivi per diventare sempre più competitivi”

Il tecnico granata alla vigilia del Genoa: “Vogliamo continuare a stare in questa posizione di classifica. Radonjic? Ci sarà”

Mario Pagliara

12 gennaio 2024 (modifica alle 12:48) – MILANO

“A Genova sarà una grande battaglia”. Guardia alta e concentrazione totale: Ivan Juric si mette in viaggio verso Genova sapendo che a Marassi, casa del Genoa, troverà un campo disseminato di trappole. Il Toro vuole spiccare il volo anche in trasferta, di fronte troverà la squadra di Gilardino in un ottimo momento di forma. “Per noi è una partita molto importante – il tecnico granata ribadisce il valore della sfida -. Il nostro obiettivo è dare continuità dal punto di vista della prestazione ma ora voglio anche continuità di risultati per restare in classifica dove siamo. Dobbiamo essere completi, nel gioco, sul piano dell’attenzione e della cattiveria agonistica”.

MARASSI CATINO

—  

Juric conosce bene l’ambiente genoano: qui ha avuto un passato da calciatore – e da capitano – del Grifone, un altro sulla panchina rossoblù. “Hanno 28mila tifosi, lo stadio è sempre pieno con un entusiasmo pazzesco: sarà molto tosta. E poi il Genoa ha un mix di calciatori esperti – continua Juric – e di giovani molto forti. Hanno costruito una bella squadra”. Il tecnico ha chiesto molto ai suoi uomini per questa trasferta: fiuta che può essere il momento del punto di svolta in stagione dopo lo squillante 3-0 rifilato al Napoli. “Troveremo molte difficoltà anche perché giocheremo contro una squadra che in casa non perde da ottobre e ha fermato Inter e Juve. Noi ci siamo avvicinati molto a chi ci sta davanti in classifica: vogliamo continuare a stare in questa posizione di classifica. Dobbiamo vivere bene la situazione, con entusiasmo, ma ponendoci obiettivi per diventare sempre più competitivi.

RADONJIC C’E’

—  

In questi giorni Radonjic si è allenato “molto bene, fatto una bellissima settimana” e ha smaltito gli acciacchi che lo hanno escluso dalla sfida col Napoli. “Domani Rado ci sarà – annuncia Juric -, quando ci sarà l’occasione, lo userò”. Si fermano invece Karamoh e Linetty per problemini fisici. Sanabria e Zapata guideranno l’attacco del Toro, “di loro sono molto soddisfatto: continueremo a giocare così”. E dalla coppia offensiva si aspetta ora il primo gol in trasferta. Sia Sanabria sia Zapata hanno finora segnato solo in casa. “Credo che sia solo un caso, perché spesso abbiamo giocato meglio fuori casa producendo tanto pur senza ottenere risultati”. In chiave formazione, il dubbio della vigilia riguarda l’interprete della fascia sinistra: è ballottaggio tra Lazaro e Vojvoda. “Stanno bene entrambi, mi fido di tutti e due”.

Precedente Mazzarri e il caso Osimhen-Kvara: "I calciatori diano il massimo, poi se chiamano gli agenti..." Successivo Mazzarri: "Spero di vedere un Napoli più brillante"