Juan Jesus risponde a Darmian: Inter-Napoli è 1-1, Inzaghi a +14 sul Milan

Frena l’Inter di Simone Inzaghi che a San Siro contro il Napoli non va oltre il pari chiudendo la gara sul punteggio di 1-1. E’ Juan Jesus a pareggiare i conti a dieci minuti dalla fine, rispondendo alla rete iniziale di Darmian. In classifica i nerazzurri vanno a +14 sul Milan e restano anche a +17 sulla Juventus ferma al terzo posto. Il Napoli di Calzona resta settimo a quota 45 punti.

Inter-Napoli, la cronaca

Sin dai primi minuti l’Inter si fa preferire sul piano dell’intensità e della proposta di gioco, nonostante qualche errore di misura nei passaggi sulla trequarti avversaria. Dopo tredici minuti, i nerazzurri sfiorano il vantaggio, ma Meret si rende protagonista di un doppio intervento miracoloso prima sul colpo di testa di Darmian, poi sulla conclusione ravvicinata di Lautaro. I ragazzi di Inzaghi, però, riescono a sbloccare il match sul finale di primo tempo: al 43′ Darmian riceve da centro area l’assist di Bastoni ed insacca in porta la palla dell’1-0. Dall’altra parte, il Napoli non tira mai verso Sommer e si limita a un possesso palla piuttosto sterile. In avvio di ripresa Lautaro impegna subito Meret con una conclusione dall’interno dell’area. Il portiere partenopeo è attento anche al 53′ sulla punizione di Dimarco. L’Inter spreca e il Napoli intorno al sessantesimo prende fiducia e si affaccia con più convinzione nella metà campo avversaria. La squadra nerazzurra fallisce troppe occasioni da gol e gli ospiti, da calcio d’angolo di Politano, acciuffano il pareggio al 81′, grazie al colpo di testa ravvicinato di Jesus. I padroni di casa protestano vivacemente proprio per il calcio d’angolo concesso al Napoli: dalle immagini sembra essere Di Lorenzo l’ultimo a toccare il pallone e non Darmian. Dopo un finale carico di tensione e nervosismo, Inter e Napoli devono accontentarsi del pareggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Caso Acerbi, il post di Juan Jesus: "Ho difeso i miei diritti nel modo più giusto" Successivo Gleison Bremer, poteva essere il muro dell'Inter. Adesso è pronto per vincere con la Juve