Jorginho: “Con Mancini percorso super. Ora daremo tutto per gli italiani”

Il centrocampista fresco di vittoria della Champions col Chelsea: “Se ripenso a dov’ero 10 anni fa…”

Il suo entusiasmo e la sua qualità saranno fondamentali per l’Italia di Mancini. E Jorginho si avvicina nel migliore dei modi all’Europeo dopo aver alzato la Champions col suo Chelsea. “Ognuno di noi – ammette Jorginho – porterà in questo Europeo tanta energia e entusiasmo. Per quanto mi riguarda non dipenderà solo da quel che ho raggiunto con il mio club ma anche perché sarà la prima competizione che affronterò con la Nazionale e ci tengo davvero molto. Di brasiliano sento di avere un po’ la tecnica, dalla mentalità italiana ho acquisito la voglia di allenarmi sempre e bene e di vincere. Mancini è stato importante per la fiducia che mi ha dato. Il percorso che la Nazionale ha fatto è stato molto bello, ci siamo meritati di essere dove siamo adesso anche se bisogna restare con i piedi per terra perché c’è ancora tanto da fare”.

SEMPRE PIU’ SU

—  

Dieci anni fa Jorginho giocava in C2. “Penso alla C2 prima, poi penso al Brasile, a Verona e a tutto quello che ho vissuto per arrivare fin qui. Il lato calcistico l’ho preso da mia mamma, che giocava a calcio e quindi ha un’importanza gigantesca nella mia vita, pero’ non posso non parlare dell’importanza di mio papà. Devo dire sempre grazie ai miei genitori perché sono sempre stati al mio fianco in qualsiasi momento. Tutta la fiducia che mi ha dato il c.t. mi dà solo più entusiasmo e voglia di fare sempre bene e sempre meglio della convocazione precedente”.

PER IL PAESE

—  

Jorginho è consapevole che l’Europeo può essere un’ulteriore occasione diu rinascita per il Paese. “L’Italia ha sofferto, tante persone hanno sofferto. Io penso che questo sport può darti tante cose, grandi emozioni, e magari fare qualcosa per il popolo italiano sarebbe molto bello. Raspadori? Cerco sempre di aiutare tutti i compagni ed adesso anche lui”.

Precedente La modella, l'ippodromo o la cena: dove ha preso il Covid Vidal? Aperta un'inchiesta Successivo Da Barella a Lukaku: ecco l'Inter all'Europeo

Lascia un commento