Jankto: “Paura dopo il coming out? Non devo andare in Arabia”

Jankto ha parlato in modo molto sincero del suo coming out in una lunga intervista a L’Equipe: “Se sono un giocatore diverso da quando l’ho fatto? No, sono sempre lo stesso, non è cambiato nulla, perché ho sempre fatto distinzione tra la mia vita personale e il mio lavoro, cioè lo spogliatoio, il campo, lo stadio. Forse sarei cambiato se ci fossero state reazioni negative in tribuna, ma non è andata così“. Il centrocampista ha toccato temi molto importanti: i momenti delicati e le fughe di notizie prima della rivelazione, la reazione in Repubblica Ceca, il ritorno in Italia, le parole di Abodi sull’ostentazione, i diritti, i dialoghi con altri giocatori omosessuali, il benvenuto a Cagliari e tanto altro.

Jankto: “Coming out? Mia moglie la prima a saperlo”

Il coming out ha cambiato alcuni aspetti della mia vita, non mi nascondo più, penso di essere stato da esempio per tante persone, perché da allora va tutto molto bene. Ma non mi sento diverso, sono ancora quel bravo ragazzo”. Jankto ha poi raccontato del suo rapporto con l’ex moglie: “Siamo cresciuti insieme con Marketta, la nostra storia è durata cinque anni, mi sentivo abbastanza bene a livello mentale, siamo genitori. Avremmo potuto continuare, ma ho preferito chiudere la nostra relazione due anni fa. Era inutile continuare, avevo 26 anni e avevo ancora tutta la vita davanti. Prima ho fatto coming out con lei, poi con la mia famiglia e poi con i miei amici“. Poi ha proseguito: “Prima di rivelarlo ho pensato principalmente a mio figlio e ho continuato a chiedermi come avrei dovuto gestire questa situazione. Poi ho avuto l’opportunità di tornare a casa nell’inverno del 2023, venendo ceduto in prestito allo Sparta Praga, quindi è stato più facile. Dopo averlo condiviso con chi mi è vicino, ho pensato a chi parlarne nel mio ambito professionale”. 

“Come se dovessi giustificarmi di essere biondo”

“Nel dicembre 2022, durante la pausa invernale, sui social, sui giornali, girava la voce: ‘Jankto è gay?’. Forse ero stato visto ad appuntamenti con ragazzi” – ha spiegato Jankto. Poi ha continuato: “A un certo punto c’è stato addirittura uno scoop: ‘Un giocatore ceco si prepara a fare coming out’. Stava peggiorando di giorno in giorno, era un periodo un po’ difficile, soprattutto perché non volevo dirlo pubblicamente. Per me è come se qualcuno dovesse giustificare il fatto di essere biondo. La prima persona del mondo del calcio che sono andato a trovare è stato Tomas Rosicky, direttore sportivo dello Sparta Praga. Volevo dirglielo faccia a faccia, non per messaggio, è successo nel suo ufficio, ero in ansia. Lui ha risposto: ‘Non c’è problema, continuiamo ad andare avanti’. Sulle prime reazioni nel mondo del calcio: “Mi aspettavo che innescasse qualcosa di grosso, perché era qualcosa di nuovo, ma non pensavo che Real, Arsenal o Barça mi sostenessero. Ho ricevuto decine di migliaia di messaggi, addirittura centinaia di migliaia! D’altra parte, quello che ho notato, dove è stata presa meno bene questa cosa, è stato in Africa e nel mondo arabo“.

“Matrimonio? Se pago le tasse, voglio i diritti di tutti”

Jankto ha affrontato anche temi di attualità: “Si parla tanto di matrimonio tra persone dello stesso sesso, ma ancora non è possibile. Non sono molto portato politicamente, ma penso che sia giusto che una persona che fa bene le cose, che paga le tasse, che è in regola con lo Stato, possa beneficiare della stessa legge degli altri. Non ne ho bisogno in questo momento, ma nel profondo fa un po’ male”. Sugli insulti: “Ci sono state due partite in cui li ho sentiti, ma erano stadi piccoli, si nota più facilmente. Per novanta minuti i tifosi avversari fanno di tutto per toglierti dalla gara, per farti giocare male. Inoltre, consumavano alcool, quindi pronunciano tutti i tipi di insulti, alcuni dei quali omofobi. Per me resta nell’ambito del calcio, di un incontro e poi non ha funzionato, mi sono concentrato come sempre”. Infine una battuta: Se ho paura dei trasferimenti? Non mi è mai passato per la mente. Poi, ovviamente, sapevo benissimo che non avrei firmato in Arabia Saudita il giorno dopo il mio coming out (ride, ndr)“.

Le parole di Abodi e il dialogo con i giocatori gay

Il giocatore del Cagliari ha parlato anche della frase di Abodi sull’ostentazione: Le generazioni più anziane non hanno ancora capito certe cose. Ovviamente non ero d’accordo, soprattutto perché non sono uno che si mette in mostra. Due settimane dopo è venuto a Cagliari e ha voluto vedermi per chiarire le cose, ho apprezzato l’approccio. Sui contatti con giocatori gay che hanno paura di rivelarsi: “Sì, non so quanti e, sinceramente, non mi interessa saperlo. Tutto quello che posso dire loro è di non aver paura perché, alla fine, dopo non succede nulla. Mi sento spesso con Josh Cavallo”.

“Pavoletti si prende cura di tutti. Gay? Lo sono nato”

Sul rapporto nello spogliatoio del Cagliari: “Possono esserci piccole battute, quando parliamo dopo i pasti, come: ‘Allora, hai avuto qualche appuntamento con questo ragazzo?’. Tutto è più aperto. Prima non potevo, dovevo stare attento che qualcuno non desse un’occhiata al mio telefono mentre scrivevo. Ne parlo parecchio con Leonardo Pavoletti, il mio capitano. Vuole sapere come vanno le cose, è normale, lui è il capitano, si prende cura dei compagni. Per alcuni è una curiosità. La gente mi chiedeva se fossi nato così, se nel frattempo fossi cambiato. Certo che nasciamo così, io sono nato gay! Ma io non voglio che questo diventi un argomento di discussione quotidiano, sarebbe noioso. Oltretutto non ho comunicato molto a riguardo”.

“La fascia arcobaleno non è necessaria. Europeo? Non andrò”

Sulla società: “A volte ci sono campagne di sensibilizzazione, messaggi, spot pubblicitari, è molto bello. Ma, per esempio, la fascia da capitano color arcobaleno, trovo che non sia necessaria, non si dovrebbe fare più del necessario. Ciò sconvolge davvero le persone. Non sono convinto di questo metodo, perché so che alla lunga è controproducente. Il mondo del calcio è omofobo in alcuni continenti e in alcuni paesi. Ma in Europa la situazione è migliorata. Poi ha concluso: “Le istituzioni calcistiche non mi hanno contattato ufficialmente, ma non voglio comunque fare l’ambasciatore e non cambierò idea. Non mi piace ostentare troppo il fatto di essere omosessuale. Se il prossimo passo è vivere senza farsi troppe domande? “Sì è quello! Faccio quello che voglio adesso. Avevo già quattro fidanzati, alcuni venivano a vedere le partite allo stadio, incontravano i miei compagni. Questo è il futuro”. Sugli Europei: “So già che non verrò convocato, ma questo non c’entra niente con il mio coming out. A volte bisogna scegliere, e quest’estate ho scelto di trascorrere le vacanze con mio figlio. Se dovessi andare all’Euro, significherebbe che non lo vedrei quasi tutto l’anno. E preferisco passare due o tre settimane con lui”.

Precedente Allegri ancora per poco Successivo Lazio, il commosso ringraziamento di Arianna Mihajlovic: il motivo