Italia, Mancini: “Sto benissimo. Insigne? Per noi è fondamentale”

ROMA – “Sto benissimo. Complimenti a tutti, ringrazio tutti i ragazzi, tutto lo staff” sono le parole di Roberto Mancini, collegato dalla sua abitazione con RaiSport, dopo la vittoria contro la Bosnia e la qualificazione alle Final Four di Nations League. Il ct azzurro ha dichiarato: “Le Final Four saranno un bellissimo appuntamento, dopo gli Europei e prima dei Mondiali. Sono tre competizioni nel giro di pochi mesi, possiamo fare bella figura. Non posso che ringraziare i ragazzi per il grande lavoro che hanno fatto“. Mancini ha poi aggiunto: “Abbiamo tanto giovani molto bravi, che devono però trovare spazio e giocare. I settori giovanili, soprattutto in questo momento, sono fondamentali. Bastoni ha fatto tre partite in dieci giorni, giocando sempre meglio. Può diventare sempre meglio, può essere il nuovo Chiellini o il nuovo Bonucci. Ma vanno fatti giocare. Il mio rinnovo? Non è un problema, ho un contratto fino al Mondiale”.

Bosnia-Italia: curiosità e statistiche

Italia, le parole di Mancini

Si è creata una situazione molto bella fra di noi, fra lo staff e i dirigenti. Mi sono fidato al 100%, ho seguito tutti gli allenamenti ma non potevo fare altrimenti. Sono stati 10 giorni difficili, ma tutti hanno fatto un grande lavoro. In questo momento così difficile, puntare sui giovani credo possa essere molto importante per i club” ha spiegato il ct. Poi, Mancini ha aggiunto: “La scelta del gruppo per gli Europei? Era già difficile prima, poi negli ultimi 4-5 mesi sono usciti altri giovani che si stanno confermando grandi giocatori. E’ una fortuna pensando al Mondiale, ma scegliere il gruppo per gli Europei sarà un bel problema. Ma meglio averceli che non averceli. Non vedendoci mai quando ci alleniamo lavoriamo solo sulla parte tecnico-tattica, limitando la parte atletica perchè comunque arrivano già allenati. Sta andando bene, ma sono stati bravi loro perchè non era semplice. Abbiamo provato a fare questo, ma non dobbiamo dimenticare che l’Italia ha vinto 4 Mondiali giocando in modo diverso. Oggi però il calcio è cambiato e bisogna avere uno stile e una mentalità che hanno le grandi squadre. Sorteggio per le qualificazioni ai Mondiali? Siamo partiti che eravamo al ventesimo posto e ora potremmo risalire al sesto, non era così scontato“. Infine, su Insigne: “Insigne è un giocatore molto forte. E’ un calciatore fondamentale per la Nazionale, importantissimo nel gioco tra il centrocampo e l’attacco“. 

Precedente Super Lukaku: doppietta e Belgio alle Final four italiane Successivo Nations League, Italia alle Final Four! Ecco tutti i verdetti

Lascia un commento