Italia, effetto Kean: azzurri imbattuti in casa da quando è nato

Un’analisi statistica mette in rilievo un dato positivo che riguarda i risultati della nazionale azzurra in concomitanza con la nascita di Kean, primo giocatore nato dopo il 2000 a segnare con l’Italia

Moise Bioty Kean, grazie al gol messo a segno in Italia-Finlandia 2-0 del 23 marzo 2019, diventò il primo giocatore nato dopo il primo gennaio 2000, cioé nel 3° millennio, a segnare una rete con la divisa azzurra. Con quella realizzazione il giovane attaccante bianconero divenne anche il secondo marcatore più giovane della storia della nostra nazionale dopo Nicolé.

Sotto questo aspetto è molto interessante notare come, proprio in coincidenza del nuovo millennio, l’Italia sia riuscita a restare totalmente imbattuta nelle 57 gare interne valide per manifestazioni ufficiali.

Il bilancio esatto è di 42 successi e 15 pareggiin queste 57 partite valide per le competizioni ufficiali disputate in Italia, in pratica, da quando è nato lo stesso Kean (cioé dal 28 febbraio 2000 per l’esattezza).

I 42 successi sono composti dai 21 ottenuti nelle gare delle qualificazioni mondiali, dai 20 per le qualificazioni europee ed uno in Nations League, mentre i 15 pareggi derivano da 5 gare di Nations League, dalle 5 partite valide per le qualificazioni mondiali e dalle 5 per le qualificazioni europee.

Precedente Dybala: rinnovo e leadership, presto l'incontro. Alla Juve serve Joya Successivo Una Juve in bilico: incognite e certezze. Allegri, pensaci tu

Lascia un commento