Italia, a tutto Spalletti: il caso Acerbi, Chiellini e Chiesa come Sinner

Bellanova, Frattesi e gli esterni

Spalletti si è poi soffermato su altri singoli. Su Bellanova: “Nessuno deve sentirsi blindato per la nostra Nazionale. È scontato e necessario che ci siano giocatori nuovi che vengano fuori e ci possano poi sorprendere. Noi dobbiamo essere aperti ad accoglierli a braccia aperte. Poi dobbiamo vedere se nel nostro contesto riesce a essere incisivo come nella sua squadra”. Su Frattesi: “Per corsa, intensità e qualità può attaccare tante volte la linea difensiva. Ha quella curiosità di andare sempre di là, ma deve pulire bene quello che gli passa tra i piedi. Se si impegna può fare meglio, ha qualità infinite”. Poi, sugli esterni: “Zaccagni e Zaniolo solo come esterni? Di Lorenzo, Di Marco, Udogie, Cambiaso ti dimostrano che quando sviluppano l’azione offensiva non fanno più una corsa dritta. Ma fanno deviazioni, interne ed esterne. Questa è la nuova frontiera del calcio europeo. Questo adattamento a fare più ruoli. Se un compagno è già largo, allora io vado dentro. C’è una presa di posizione in base a quali spazi liberi ci sono”.

Sul lavoro di De Rossi

Su De Rossi: “De Rossi è stato bravissimo, mi ha sorpreso moltissimo per le cose che ha fatto vedere. In alcuni momenti in panchina mi sembra Carletto Mazzone quando esprime questo suo essere ancora un po’ calciatore e la sapienza da allenatore. Ha fatto un lavoro eccezionale nel dare in poco tempo una nuova mentalità nonostante fosse stato fatto bene anche prima. Non è facile, è un lavoro ancora più profondo. Vedere Paredes che fa il centrale basso, vedere la difesa a tre e la difesa a quattro. I terzini a tutta fascia, sono tutte cose bellissime. A Daniele voglio molto bene. Gli auguro il meglio possibile e se avessi la possibilità di aiutarlo lo farei“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente 19 marzo 1996, Roma out ai quarti di Coppa UEFA: 3-1 allo Slavia Praga e impresa solo sfiorata Successivo Roma, Lukaku perde il posto: nuovo centravanti subito, l’annuncio

Lascia un commento