Inzaghi verso il Bologna: “Peccato non poter salutare i tifosi rossoblù”

BENEVENTO – “È sempre un piacere tornare al Dall’Ara dove sono stato bene. La gente mi ha trattato alla grande, ma anche i dirigenti mi hanno manifestato affetto. Se non avessi fatto quell’esperienza non sarei arrivato al Benevento e mi dispiace tanto per l’assenza del pubblico, avrei voluto salutare i tifosi. Probabilmente non meritavo neanche quell’accoglienza fantastica che mi hanno riservato, ma ora hanno un grande allenatore, un avversario che rispetto tanto e sta facendo un bel lavoro”. Filippo Inzaghi ha presentato così il prossimo impegno del suo Benevento, in casa del Bologna. Proprio l’ex squadra che da allenatore lo ha lanciato in Serie A. “Barrow? Non solo lui, il Bologna ha tanti calciatori di livello come Palacio, Sansone, Orsolini e Soriano, ma noi guardiamo in casa nostra e ce la giocheremo alla pari come abbiamo fatto all’andata, dove abbiamo vinto pur soffrendo“.

Al Benevento non basta Caprari: la Sampdoria fa 1-1 con Keita

Guarda la gallery

Al Benevento non basta Caprari: la Sampdoria fa 1-1 con Keita

“Gaich? Può giocare uno spezzone”

Sulla formazione:Dovrò prima valutare la condizione generale dei calciatori. Gaich? Potrebbe essere convocato e giocare uno spezzone, così come Moncini che ha dimostrato di stare abbastanza bene. A centrocampo potrebbe giocare la mediana vista in Serie B, anche a causa della squalifica di Ionita. Ma sono sereno, chiunque scenderà in campo darà tutto, senza contare che Tello e Dabo potranno aiutarci a gara in corso” ha rivelato il tecnico del Benevento. “Tuia o Caldirola con Glik? Non scelgo in base all’avversario, Caldirola prima di farsi male era titolare e sta tornando al 100%, è sulla strada giusta e voglio applaudirlo pubblicamente perchè ha stretto i denti per tornare prima del previsto. Comunque sceglierò domani“.

Filippo Inzaghi: "Grazie a Ranieri per i complimenti"

Guarda il video

Filippo Inzaghi: “Grazie a Ranieri per i complimenti”

“Dispiace per Iago Falque, gli ho dato poco spazio”

Sulle scelte in attacco, in particolar modo su Iago Falque, Inzaghi ha spiegato: “Mi dispiace non avergli dato spazio, con la Samp avevo pensato di schierarlo dall’inizio, ma la gara mi ha fatto fare valutazioni differenti. Rispetto a qualche mese fa è pronto, anche se non ha i 90′ nelle gambe: ma sarà determinante per raggiungere il nostro obiettivo. Tridente offensivo? Se fossero tutti al 100% giocherei con Lapadula al centro e due esterni di spinta. Ma Insigne e Caprari stanno benissimo, così come Sau. Anche chi subentra può fare la differenza” ha chiosato.

Precedente Giro d'Italia 2021/ Annunciate le wild-card: ecco le 23 squadre partecipanti Successivo "Agnelli pericoloso per il calcio futuro"

Lascia un commento