Inzaghi: “Siamo in ritardo, ma possiamo recuperare”

Per la sfida di domani con il Parma il tecnico della Lazio punta su Patric e Leiva: “Attenzione per Luis Felipe, acciaccato, ora aspettiamo Leiva”

L’esigenza di fare punti, prima di ogni altra cosa. Perché la Lazio è attardata in classifica e perché sarebbe importantissimo arrivare al derby con altri tre punti in classifica. Dal match di domani a Parma Simone Inzaghi chiede soprattutto un’altra vittoria dopo quella ottenuta mercoledì contro la Fiorentina. “In questo momento – ammette l’allenatore – conta la sostanza più che la forma. C’è ancora tempo per recuperare, ma abbiamo accumulato ritardo in classifica. Contro la Fiorentina non siamo stati belli come in altre circostanze, ma abbiamo fornito una prestazione fatta di carattere e di concentrazione”. E alla fine sono arrivati i tre punti. Cosa che il tecnico spera si verifichi pure a Parma domani. “Sarà una gara difficile – avverte Inzaghi -. Hanno appena cambiato allenatore. D’Aversa conosce bene l’ambiente, saprà subito dove mettere le mani. E’ un tecnico molto bravo. Mi dispiace per l’esonero di Liverani, che è un amico. Ma il calcio è così”.

In emergenza

—  

Anche se l’infermeria si sta svuotando l’allenatore sarà costretto ad affrontare il match di domani ancora in una situazione di emergenza. “Siamo in discrete condizioni – si fa coraggio Inzaghi -. Per colpa delle assenze qualche giocatore ha dovuto giocare più di altri e adesso è stanco o ha problemi. Luiz Felipe, ad esempio, si sta trascinando questo problema alla caviglia dall’amichevole di Frosinone. Sto cercando di gestirlo, non vorrei che dovesse fermarsi di nuovo”. Sta invece recuperando Lulic, ormai assente da quasi un anno. “E’ il nostro capitano, per noi è importante. Siamo soddisfatti di come sta lavorando. Siamo a buon punto, lo aspettiamo a braccia aperte”. Stanno recuperando anche Fares e Correa che però non saranno ancora convocati per il match di domani mentre possono farcela per il derby. A Parma dovrebbe giocare la stessa squadra che ha battuto la Fiorentina con due sole novità: Patric al posto di Luiz Felipe e Leiva al posto di Escalante.

Precedente Il ritorno di Tavecchio: a 77 anni eletto presidente dei dilettanti Lombardia Successivo Cittadella al terzo posto: 2-0 esterno a una Reggiana sempre più in crisi

Lascia un commento